Nuovo presidio dei vigili del fuoco nella zona est

Nov 09 2017
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

La nuova caserma permanente dei Vigili del Fuoco a Caldiero coprirà le esigenze di sicurezza e soccorso della zona est della provincia di Verona.

L’avevo detto in settembre (qui la notizia: https://www.vincenzodarienzo.it/vigili-del-fuoco-est-verona-serve-un-distaccamento/) che c’era la concreta possibilità di spostare il presidio permanente dei Vigili del Fuoco dal luogo individuato, l’ex caserma dei Carabinieri di S. Michele/Verona, in una zona più ad est.

La collocazione dentro la città non poteva garantire tempi ridotti di intervento verso est e le vallate di quel territorio.

D’altronde, i pompieri stessi da anni chiedevano di insediare un presidio in quella zona, a copertura di un territorio con migliaia di residenti.

La soluzione è stata trovata: i sindaci dei Comuni dell’est si sono messi insieme e concordemente hanno individuato a Caldiero un immobile ritenuto adeguato.

Questo consentirà al Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Verona di chiedere ufficialmente al Ministero dell’Interno di rivedere la prevista realizzazione a San Michele Extra.

I tempi potrebbero essere stretti. Se ognuno farà la sua parte, il presidio potrà essere operativo anche da gennaio prossimo.

Un obiettivo centrato in pochi mesi, una novità assoluta.

Sono molto soddisfatto per il risultato raggiunto. Ci avevo creduto quando solo tre mesi ho invitato i sindaci ad unire le forze. Serviva mettersi insieme, trovare il luogo e le risorse per corrispondere alle esigenze dei pompieri. Averlo fatto è stato decisivo.

Un grazie sincero ai sindaci di Caldiero, Colognola ai Colli, Monteforte d’Alpone, San Bonifacio, San Giovanni Ilarione, San Martino Buon Albergo, Soave, Vero- nella, Zevio, Badia Calavena, Illasi, Montecchia di Crosara, Albaredo, Arcole, Belfiore, Boschi Sant’Anna-, Lavagne, Mezzane, Palù, Pressana, Ronca, Ronco, Roveredo di Guà, Selva di Progno, Tregnago, Vestenanova e Zimella che hanno collaborato tra loro per lo sviluppo delle proprie comunità amministrate.

Commenti

Related Posts