Primo riconoscimento per le vie navigabili veronesi

Ago 09 2018
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

La Commissione Lavori Pubblici del Senato ha accettato la mia proposta di inserire due infrastrutture presenti a Verona nel parere a sostegno della ratifica della Direttiva UE 2016/1629 che provvede a classificare le vie navigabili interne dell’Unione. Questo l’articolo precedente http://www.vincenzodarienzo.it/le-vie-navigabili-veronesi-nella-nuova-direttiva-ue/)

La mia proposta era di riconoscere la navigabilità del Mincio e la banchina di Torretta (Legnago) presente sul Canale Fissero-Tartaro-Canalbianco che va da Mantova all’Adriatico.

L’Idrovia Padana, per l’importanza strategica che riveste, è stata inserita nel 1996 nella Rete transeuropea delle vie navigabili e la legge n. 16 del 2000 ha istituito un piano coordinato di sviluppo e costruzione di una rete di vie navigabili d’importanza internazionale al fine di rendere più efficiente e vantaggioso il trasporto internazionale in Europa per via navigabile.

In merito, ho fatto presente la necessità di riconoscere la possibile navigabilità del Mincio, da Peschiera a Mantova, sulla quale ci sono già studi ed approfondimenti e l’urgenza di mettere in funzione la banchina fluviale di Torretta nel Comune di Legnago, peraltro costruita negli anni 2000 proprio con finanziamenti europei nell’ambito del patto di Sviluppo del Basso Veronese e del Colognese.

L’idrovia Fissero-Tartaro-Canalbianco è una via navigabile lunga 135 Km che collega Mantova con il mare Adriatico e permette la navigazione di natanti della classe V europea (1500-1600 tonnellate).

La Commissione Lavori Pubblici ha accettato la mia proposta e sia la navigabilità del Mincio, sia la banchina di Torretta sono state “segnalate” al Governo affinché provveda nella direzione di metterle in funzione al fine di inserirle successivamente nella prossima Direttiva UE che tratterà il tema delle vie navigabili dell’Unione.

E’ la prima volta che le due infrastrutture veronesi vengono inserite in un atto del Parlamento che tratta  il tema.

L’impegno continua.

Commenti

Related Posts