2013/2018, abbiamo salvato l’Italia e fatto tante cose

Feb 06 2018
(0) Comments

Cinque anni fa tutti ricordano in che condizioni era il Paese: spread a oltre 500 punti, credibilità in Europa sottozero, riforme pesantissime – la Fornero tra queste – per correggere i conti disastrati dal Governo Berlusconi, blocco degli stipendi di tutti i lavoratori pubblici, migliaia di lavoratori esodati, evasione fiscale ai massimi storici, crisi di identità del sistema produttivo italiano.
In cinque anni il Governo del Partito Democratico ha conseguito tanti risultati. Abbiamo contato 100 buone cose fatte. La prima, senz’altro, è quella d’aver corretto la rotta e ridato fiato all’Italia, dentro e fuori i confini nazionali.
Tra i tanti risultati ne ricordo alcuni.

Per le famiglie, abbiamo:

  1. stabilito 80€ netti al mese ai dipendenti con stipendio inferiore ai 1.500€ al mese. È possibile, in futuro, estendere la stessa misura di sostegno per ogni figlio fino ai 18 anni nonchè alle partite IVA e agli autonomi fino ai 26.000€ lordi,
  2. eliminato l’IMU e la TASI sulla prima casa,
  3. inserito il reddito di inclusione per le persone in difficoltà, prima misura della storia repubblicana contro la povertà,
  4. stabilito il cumulo gratuito delle pensioni,
  5. salvaguardato circa 70mila esodati,
  6. previsto la quattordicesima per le pensioni basse,
  7. il costo del Canone RAI è stato abbassato da 113€ a 90€ attraverso l’inserimento del canone in bolletta e la lotta all’evasione. L’obiettivo è abbassarlo ancora e di azzerarlo solo per le categorie meno abbienti.

Per la giustizia sociale – Abbiamo raggiunto il record storico di recupero dall’evasione (oltre 25 miliardi€) raddoppiando i livelli del 2011.

Nuove leggi “sociali” e sui diritti – Abbiamo approvato leggi come sul Dopo di Noi (per garantire un futuro a persone con disabilità dopo la perdita dei genitori), sul Biotestamento e sulle Unioni Civili che si attendevano da anni.

Per la scuola e la cultura

1. Sono stati assunti oltre 100.000 professori aventi diritto, resi precari da anni e sono stati investiti circa 10 miliardi per l’edilizia scolastica di cui oltre la metà già spesi per più di 11.000 interventi. È stata la più grande operazione di manutenzione degli ultimi decenni,

2. con il Bonus Cultura da 500 euro abbiamo finanziato i 18enni per spese in cultura.

Per la nostra salute – Abbiamo aumentato il fondo sanitario depredato dai Governi precedenti da 106 a 114 miliardi di euro.

Per il risparmio – Sono stati risparmiati 33 miliardi di danaro pubblico con la revisione della spesa attraverso la centralizzazione degli acquisti e la revisione dei capitoli di spesa.

Lavoro

1. la disoccupazione è scesa dal 13% del 2014 a meno dell’11% di oggi. Quella giovanile è scesa dal 44% del 2014 al 32% di oggi. Un milione di nuovi posti di lavoro: gli occupati sono aumentati dai 22 milioni nel 2014 ai 23 milioni di oggi,

2. abbiamo stabilito l’assegno di ricollocazione per chi perde il posto di lavoro,

3. il PIL è cresciuto da -2% (Governo Berlusconi) a oltre il +1.5%

Commenti