Bicameralismo perfetto

Dopo 70 anni é stato superato il bicameralismo paritario. Ne abbiamo sentite tante e alla fine il Senato ha votato con 179 sì, 16 voti contrari e 7 astenuti. Il testo ora passa alla Camera per la quarta lettura.

Nessuno ci credeva, ma la politica é stata capace di riforma e se stessa. Il PD, finalmente unito, é l’artefice di questo passaggio e contribuisce a scrivere un altro pezzo di futuro.

Quando si adeguano i valori costituzionali fondamentali a condizioni politiche e sociali nuove é normale che ci sia un dibattito acceso, così come l’abbiamo vissuto.

Adesso sarà possibile un maggiore raccordo tra lo Stato e le Regioni e niente potrà frenare il processo di coesione nazionale e il superamento dei gravissimi squilibri territoriali in termini di sviluppo e di equità.

Il Senato avrà comunque alcune funzioni rilevanti. Voterà leggi costituzionali ed elettorali, eleggerà due giudici della Corte Costituzionale e concorrerà all’elezione del Presidente della Repubblica. Eserciterà funzioni di raccordo tra la legislazione statale e quella regionale e tra queste e quella europea. Valuterà le politiche pubbliche e verificherà l’attuazione delle leggi dello Stato. Tutte funzioni vitali per la nostra democrazia.

 

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *