Condono agli evasori. La gara a chi fa peggio.

Nov 22 2018
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Con il Decreto fiscale arriveranno le nuove regole, ma intanto si è già aperta la gara tra Lega e 5Stelle a chi favoriva di più gli evasori.

I moralisti

A prima firma Bottici, Questore del Senato (https://it.wikipedia.org/wiki/Questore_(parlamento)) , sempre pronta ad ergersi a fustigatrice morale dei politici, sono stati depositati alcuni emendamenti di gran favore agli evasori, arrivando laddove neanche i leghisti sono stati capaci di pensarci.

Gli emendamenti Bottici al Decreto fiscale aprono le porte alle richieste di condonare le tasse evase “fino all’entrata in vigore della legge di conversione del decreto” e non, quindi, fino il 24 ottobre scorso, data di validità del Decreto  fiscale. Due mesi di tempo in più per coloro ai quali viene elevato un verbale di constatazione.

La medesima senatrice non si accontenta del fatto che l’evasore può definire il “contenuto integrale dei processi verbali di constatazione”. Infatti, chiede di condonare gli evasori se dichiarano “anche solo parzialmente il contenuto dei processi verbali di constatazione”. In pratica, l’evasore può farla franca dichiarando anche solo una parte dei redditi evasi e chiudere la vicenda.

Al peggio non c’è mai fine

Il Decreto stabilisce che si possono condonare anche le controversie tributarie pendenti fino al terzo grado? Troppo poco per la Bottici. Con un emendamento chiede che si possano definire con condono “i processi che si sono conclusi con pronuncia definitiva e fino alla data di conversione in legge del decreto”. Neanche la sentenza finale della cassazione ferma la prode guerriera anticasta.

La badessa feroce con la casta è la più grande amica degli evasori fiscali. Una doppia morale alla quale siamo abituati.

Commenti

Related Posts