Discarica Cà Bianca di Zevio. Respingo ogni intimidazione

Mar 23 2019
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Respingo ogni tentativo di intimidazione da parte di chiunque per le attività che ho svolto in merito alla vicenda della discarica Cà Bianca di Zevio. Ho chiesto al ministro Salvini di tutelare i cittadini che fanno lo stesso ed ho sollecitato la Presidente del Senato ed il Presidente della Commissione d’Inchiesta sul Ciclo dei Rifiuti ad intervenire a tutela delle libere espressioni di un Senatore nonché membro della Commissione.

I fatti

Pochi giorni fa ho segnalato ai Ministri dell’Ambiente e della Salute la riscontrata presenza di PFAS – così come emerso da mirate analisi svolte da ARPAV l’1 e 2 ottobre 2018 – nel percolato della discarica Cà Bianca, con concentrazioni elevate e nelle acque di falda, ancorché, in questo caso, con valori inferiori alla soglia stabilita dalla Regione Veneto per le acque potabili.

Successivamente, ho ricevuto una comunicazione scritta da parte dell’avvocato del legale rappresentante della società che gestisce la discarica in argomento con la quale, oltre ad una specifica disamina di una nota della Regione Veneto che non esclude la presenza di PFAS, ma che ribadisce quanto ho sostenuto nell’interrogazione, ovvero che per l’acqua di falda i valori rilevati sono sotto la soglia prevista per il consumo umano dell’acqua potabile, sono stato “diffidato per il futuro a divulgare diffamanti e soprattutto allarmanti notizie” e a “tenere in debita considerazione la nota, fatto naturalmente salvo ogni e più ampio diritto di natura risarcitoria in capo al nostro assistito

L’intimidazione

Stante la vigenza dell’articolo 68, primo comma della Costituzione, nonché la veridicità dei dati esposti nell’interrogazione e rilevati dalla nota ARPAV, nonché la conferma da parte della Regione Veneto con la nota sopra richiamata, nonché le indagini della Procura della Repubblica di Verona – ovvero tutti elementi di fatto certamente conosciuti dal legale – posso ragionevolmente ritenere che la nota assume i contorni di una velata intimidazione.

La respingo con forza e convinzione e non finirò di seguire la vicenda fino a quando i contaminanti in questione non saranno debellati.

Ho il concreto il timore, però, che se ciò è avvenuto nei confronti di un parlamentare, possono essere poste in essere medesime modalità nei confronti di chiunque esprime il proprio pensiero o agisce pubblicamente dimostrando la propria contrarietà.

L’interrogazione e le lettere

Per questo, a tutela di chiunque, ho segnalato al ministro Salvini la necessità di agire per contrastare ed impedire ogni azione intimidatoria ai danni di cittadini e amministratori locali che democraticamente manifestano il proprio pensiero in ordine alla discarica Cà Bianca di Zevio, peraltro supportati da elementi cognitivi rilevati da atti di Agenzie tecniche e organi investigativi e, pertanto, dati e rilievi caratterizzati da ufficialità.

Altresì, ho scritto ai Presidenti Casellati e Vignaroli affinché valutino il contesto ed assumano iniziative volte a contrastare ed impedire ogni azione intimidatoria nei confronti di un Senatore della Repubblica nell’esercizio delle proprie funzioni anch’esse comunque basate su elementi cognitivi rilevati da atti ufficiali.

Commenti

Related Posts