Doveroso tutelare l’incolumità degli agenti penitenziari

La situazione all’interno del carcere di Montorio appare ingovernabile.
Sono così numerosi i fatti avvenuti presso l’istituto penitenziario veronese, quasi giornalieri, che  occorre l’impegno di tutti per risolvere definitivamente i problemi. Infatti, credo si sia giunti al punto critico per eccellenza: la sicurezza degli agenti della Polizia Penitenziaria.
Su questo non possono esserci divisioni.
Non e’ accettabile che a pagare siano coloro che sono chiamati a tutelare la nostra comunità attraverso la vigilanza di chi ha commesso reati.
Posso capire le difficoltà di una gestione complessa di persone recluse, ma il bene supremo della sicurezza degli agenti é la stella polare per ogni azione.
C’è una forte sensibilità su questo? E’ stato fatto tutto per tutelarli? Diversamente, e gli episodi quasi dimostrano il contrario, é bene prenderne atto e correggere gli errori.
Qualcuno si sta schierando con l’una o l’altra parte. Non sono solito entrare nei confronti sindacali e sarebbe meglio che lo facessero tutti. Nessuno di noi da fuori conosce nel dettaglio i termini e gli elementi sindacali e contrattuali oggetto del confronto tra agenti e dirigenza.
Sono sicuro, però, che è giunto il momento di chiudere positivamente il confronto con il personale in modo da superare le difficoltà che sono state pubblicamente manifestate e che, a quanto pare, creano una condizione lavorativa non ottimale. 

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *