Emotrasfusi: la Regione Veneto può pagare gli indennizzi

Dic 30 2015
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Il Governo ha accettato l’emendamento presentato dai colleghi del Partito Democratico della commissione Affari Sociali per consentire alle Regioni di anticipare le somme dovute a titolo di indennizzo alle persone danneggiate da trasfusioni e vaccini.

Poiché è lo Stato che deve pagare nella Legge di Stabilità 2016 abbiamo come PD stabilito che le Regioni continuino ad anticipare i soldi necessari, ma non a carico del Fondo Sanitario Nazionale.
Era qui il nodo. La Regione Veneto sbagliava perché prelevava da quel fondo le risorse necessarie. Infatti, quel fondo non finanzia quel tipo di indennizzi. Però, non poteva essere una mera interpretazione normativa la causa per i mancati pagamenti. Ecco perché come PD abbiamo chiesto e ottenuto la correzione.
Con l’approvazione dell’emendamento alla legge si corregge il tiro: si concede alle Regioni di anticipare i fondi necessari, ma non a carico del Fondo in questione. Questo consente alle Regioni stesse di maturare un credito nei confronti dello Stato, ma intanto i soldi agli interessati arrivano.
Certo, il credito verso lo Stato è cresciuto e crescerà ancora, ma la norma adesso c’è e il Veneto non può più accampare scuse.
Se per il futuro il problema è stato risolto, resta ora aperto il tema del rimborso alla Regione delle somme anticipate in questi quattro anni. Su questo l’impegno continua per individuare le risorse statali che dovranno sanare questa situazione.

Commenti

Related Posts