Europa, cosa succede dopo il voto?

Giu 19 2019
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Dopo il voto del 26 maggio scorso, quali sono gli adempimenti da svolgere per le nomine delle principali cariche dell’UE relative al prossimo ciclo istituzionale?

La nuova legislatura europea inizierà formalmente il 2 luglio 2019 e le cariche in gioco sono il Presidente del Parlamento europeo, la Commissione europea, il Presidente del Consiglio europeo e il Presidente della Banca centrale europea.

In proposito, il Consiglio europeo è formalmente coinvolto nella nomina di tutte le cariche citate ad eccezione di quella di Presidente del Parlamento europeo. Il Consiglio europeo delibera a maggioranza qualificata “rafforzata” (almeno il 72% dei membri del Consiglio europeo che rappresentino almeno il 65% della popolazione dell’UE).

Qui torna il tema di quanto valgono i sovranisti. Per fortuna, poco e prevalgono le forze europeiste che, quindi, continueranno ad orientare le azioni sul sentiment unitario che abbiamo da sempre conosciuto.

Il Presidente del Parlamento europeo.

Il Presidente è eletto a scrutinio segreto, a maggioranza assoluta dei voti espressi nei primi tre scrutini. A partire dal quarto scrutinio, si procede al ballottaggio tra i due deputati che, al terzo scrutinio, abbiano ottenuto il maggior numero di voti; in caso di parità di voti, è proclamato eletto il candidato più anziano. Il mandato del Presidente del Parlamento europeo ha una durata di due anni e mezzo.

La Commissione europea.

Il mandato scade il 31 ottobre 2019 ed è costituito, oltre che dal Presidente, da sei vicepresidenti, inclusi il primo vicepresidente e l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, e 21 commissari incaricati dei diversi portafogli.

La Commissione europea è composta da un commissario per ciascuno Stato membro, compreso il Presidente e l’Alto Rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza che è, di diritto, uno dei vicepresidenti. Presidente della Commissione europea.

Il Presidente della Commissione europea, è eletto dal Parlamento europeo a maggioranza dei membri che lo compongono, sulla base della proposta del Consiglio europeo avanzata a maggioranza qualificata “rafforzata”, tenuto conto delle elezioni del Parlamento europeo e dopo aver effettuato le consultazioni appropriate.

L’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza è nominato dal Consiglio europeo, a maggioranza qualificata “rafforzata” con l’accordo del Presidente della Commissione.

Il Presidente del Consiglio europeo

Scade il 30 novembre 2019 ed è eletto dal Consiglio europeo a maggioranza qualificata rafforzata. Il mandato del Presidente del Consiglio europeo ha una durata di due anni e mezzo rinnovabile una volta. Il Presidente del Consiglio europeo non può esercitare un mandato nazionale.

Il Presidente della Banca Centrale europea

La carica è attualmente ricoperta da Mario Draghi fino al 31 ottobre 2019. Il Presidente della Banca centrale europea è nominato dal Consiglio europeo a maggioranza qualificata rafforzata, su raccomandazione del Consiglio e previa consultazione del Parlamento europeo e del Consiglio direttivo della BCE.

Commenti

Related Posts