I ciarlatani sulla pelle delle persone

Mag 15 2019
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Alla fine avevamo ragione: moltissime delle dichiarazioni propagandistiche sul reddito di cittadinanza erano false perché inducevano a ritenere che il sussidio fosse di 780 euro.

Una balla che è stata ampiamente raccontata e che, invece, ha creato solo pericolose disillusioni.

L’INPS ha divulgato i primi dati. Emerge che non c’è stata una vera e propria corsa ad ottenerlo.

Ma come, urlavano di 5 milioni di poveri ed alla fine hanno chiesto il reddito solo 480mila famiglie?

Come mai?

Perché è sempre così, la propaganda è una cosa e la realtà è un’altra.

Quasi il 60% di coloro che hanno chiesto il sussidio riceveranno meno di 500 euro, ovvero poco di più di quanto avrebbero ricevuto con il Reddito di Inclusione, ovvero il beneficio che esisteva prima e che premiava soprattutto i nuclei familiari più deboli.

Da notare che il Re.I. è stato inglobato nel Reddito di Cittadinanza e che questi, ovviamente, ne contempla anche le risorse economiche che erano state stanziate prima e dopo proprio per finanziarlo.

Al netto, quindi, il RdC è nient’altro che qualcosa in più per chi già aveva diritto al Re.I..

Come sottolineato dai giornali economici, una parte corposa, circa 62mila famiglie, di richiedenti ha ricevuto o riceverà la Card Rdc con caricati meno di 100 euro al mese.

Perché? Perché molti, come sta emergendo in queste ore, ignoravano che il Rdc si compone di un sussidio di integrazione al reddito e di un sostegno per chi non è proprietario di casa. I 780 euro di cui si è tanto parlato tanto, rappresentano una soglia massima riconosciuta ad un single con Isee pari a zero, non proprietario di abitazione, mentre l’importo scende se questa persona possiede una casa oppure ogni altra misura di welfare di cui già gode o di altre forme di assistenza pubblica.

Ad ottenere una cifra più consistente, oltre mille euro, sono i nuclei più numerosi, pari a solo il 5% delle domande accolte.

Com’è possibile? La platea dei poveri sbandierata ai quattro venti, sembra aver preferito girare alla larga quando si è resa conto che in palio c’erano le briciole.

Ciò ha prodotto un significativo risparmio rispetto alla spesa prevista che il Governo vorrebbe reimpiegare su altre misure, a prova del fallimento della loro proposta.

Le aspettative elevate che sono state generate diventeranno un boomerang. Ricordate tutti le dichiarazioni degli esponenti del M5S che preannunciavano il superamento della condizione di povertà per milioni di italiani?

In realtà, e in molti l’hanno capito, si trattava di un bluff in cui prevaleva il non detto.

Commenti

Related Posts