Il Decreto Legge in materia di clima

Ott 23 2019
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Cosa prevede il Decreto in questa delicata materia?

A seguito della presentazione del rapporto speciale su “Cambiamenti climatici, desertificazione, degrado terrestre, sostenibilità del territorio, sicurezza alimentare e flussi di gas serra negli ecosistemi terrestri” da parte del Comitato intergovernativo per i cambiamenti climatici dell’ONU, il Governo ha deciso di presentare un decreto legge per le misure urgenti.

Il decreto-legge pone degli obiettivi importanti per la lotta all’inquinamento e al riscaldamento globale attraverso un Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici.

Sono previsti incentivi volti a migliorare la mobilità e a renderla più sostenibile. Al fine di evitare l’imposizione di vincoli e divieti di circolazione in relazione alle capacità inquinanti dei veicoli a motore e dei motocicli, si prevede lo stanziamento di risorse pari ad un massimo di 255 milioni di euro, distribuiti negli anni dal 2019 al 2024, necessarie per la creazione del “Programma sperimentale buono mobilità”.

Il programma si pone l’obiettivo di incentivare i cittadini, residenti nei comuni colpiti dalle procedure di infrazione, alla rottamazione dei veicoli più inquinanti (classe Euro 3 per le autovetture e classe Euro 2-3 a due tempi per i motocicli) beneficiando del bonus di 1500 euro per le autovetture e di 500 euro per i motocicli.

Va sottolineata che il bonus non costituisce reddito imponibile e non rileva ai fini del calcolo dell’ISEE. Vengono ulteriormente stanziati 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021 per favorire l’ammodernamento e la messa a norma delle corsie preferenziali.

Per la promozione del trasporto scolastico sostenibile vengono stanziati 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021, che favorisce l’acquisto e l’utilizzo di scuolabus a basse emissioni, ad alimentazione ibrida, elettrica o comunque con classificazione inquinante non inferiore ad Euro 6, sempre all’interno dei comuni colpiti dalle procedure di infrazione.

Sono previsti anche la creazione di un programma sperimentale per la riforestazione e per la creazione di foreste urbane nelle città e nelle aree metropolitane ed un contributo a fondo perduto per tutti gli esercenti commerciali di vicinato e media struttura che allestiscono corner dedicati alla vendita di prodotti sfusi e alla spina che vanno dai detergenti ad alcuni tipi di prodotti alimentari.

Un pacchetto di riforme che potranno contribuire a ridurre l’impatto dell’uomo sulla natura.

 

Commenti

Related Posts