Il prezzo dei carburanti in Italia

I prezzi dei carburanti sono la somma del prezzo di produzione e distribuzione della materia, più le accise e l’IVA. Le accise sono un ammontare fisso in euro per litro, mentre l’IVA, ora al 22 per cento, è calcolata sulla somma del prezzo della materia e delle accise.

La ripresa economica post-pandemia e la guerra in Ucraina hanno causato un forte aumento del prezzo di produzione dei carburanti in Italia, soprattutto trainato dall’incremento delle quotazioni del petrolio.

Per fare un confronto con il passato occorre prendere in considerazione i prezzi in termini reali, cioè al netto dell’inflazione. Per quanto riguarda la benzina, i prezzi in termini reali a marzo erano simili a quelli toccati durante le crisi petrolifere degli anni settanta e un po’ più alti di quelli raggiunti nel 2012.

Rispetto al passato, però, è cambiato il peso delle componenti che costituiscono il costo finale della benzina. Durante le crisi petrolifere, il prezzo reale (al netto delle imposte) pesava poco sul prezzo finale.

In altre parole, negli anni settanta il peso delle accise rappresentava circa il 60% del prezzo finale, mentre a marzo scorso costituiva il 34% del totale, ergo è aumentato il prezzo di produzione e distribuzione.

Anche il prezzo del gasolio in termini reali ha subito l’aumento del prezzo di produzione e trasporto della materia. Infatti, il peso della tassazione sul gasolio a marzo 2022 pesava per il 47% sul prezzo finale.

Il prezzo della benzina in Italia a marzo era il terzo più alto in Europa, tenendo, però, conto che dei più bassi prezzi dei paesi dell’Est Europa, dove il costo pre-tasse è inferiore.

Per questo motivo, a fine marzo abbiamo deciso di ridurre le accise di 25 centesimi su benzina e gasolio. L’intervento ha ulteriormente ridotto il peso delle tasse sui carburanti, facendo rientrare l’Italia poco più su della media europea.

Tutto questo per dire che non è del tutto reale che il prezzo dei carburanti sono alti a causa della tassazione.

Ovviamente, speriamo che l’incidenza delle tensioni in Ucraina possa cessare.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *