Il vitalizio per i parlamentari condannati

La vicenda Formigoni ha riportato al dibattito l’eterno nodo sui vitalizi.

Qui ho detto, tempo fa, come sono attualmente regolati gli ex vitalizi per i parlamentari (https://www.vincenzodarienzo.it/due-parole-sul-vitalizio/).

Formigoni, ex senatore ed ex presidente della Regione Lombardia, ha subito il blocco dell’erogazione del vitalizio nel 2018 in quanto condannato in via definitiva per reati gravi contro la Pubblica amministrazione.

L’interessato ha presentato ricorso all’organo interno del Senato, la Commissione contenziosa, che gli ha dato ragione, restituendogli l’assegno.

L’amministrazione del Senato ha fatto ricorso all’organo interno di secondo grado, il Consiglio di garanzia, che ha confermato la linea della Commissione contenziosa.

In pratica, la decisione dei due organismi giurisdizionali interni ha assimilato il vitalizio a un trattamento pensionistico che, quindi, non può essere tolto in caso di condanna per certi reati, come avviene per tutti i pensionati italiani.

Preso atto di quanto avvenuto, al Senato abbiamo incaricato il Consiglio di Presidenza, ovvero l’Organo deputato a decidere, presieduto dalla Presidente del Senato, a rivalutare le regole vigenti, soprattutto per i casi di ex parlamentari condannati in via definitiva.

La proposta del PD è stata quella di incaricare il Consiglio di rivedere le norme in essere, ma avendo presente le norme sull’incandidabilità dei parlamentari.

Di che si tratta?

La legge prevede alcune cause di incandidabilità alla carica di parlamentare che precludono la possibilità di esercitare il diritto di elettorato passivo.

Tra queste cause, certamente rileva la temporanea incandidabilità a parlamentare di chi abbia riportato condanne definitive per alcuni delitti, ferme restando le disposizioni del codice penale in materia di interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Il testo unico prevede l’incandidabilità alla Camera e al Senato di chi è stato condannato, con sentenza passata in giudicato, anche in caso di applicazione della pena su richiesta delle parti (c.d. patteggiamento), per tre categorie di condanne definitive riferite a delitti, non colposi, consumati o tentati.

La prima categoria riguarda le fattispecie di condanna a pena detentiva superiore a 2 anni di reclusione per i delitti concernenti mafia, terrorismo, stupefacenti ecc..

La seconda categoria è costituita dalle condanne a pena detentiva superiore a 2 anni di reclusione per i delitti contro la pubblica amministrazione.

La terza categoria riguarda i casi di condanna a pena detentiva superiore a 2 anni di reclusione per i delitti per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a 4 anni

Qualora una causa di incandidabilità sopravvenga o sia comunque accertata nel corso del mandato elettivo, la Camera di appartenenza giudica dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità.

Quindi, si a rivedere le regole in vigore, ma tenendo presente quanto prevede la legge per l’incandidabilità alla carica di parlamentare.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *