Incontro con i sindacati del Corpo Forestale dello Stato presso il Comando Provinciale veronese

Mar 08 2016
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Come prevede il Decreto Legislativo di attuazione della riforma della PA del Ministro Madia, il Corpo Forestale sarà accorpato all’Arma dei Carabinieri.

L’incontro è servito intanto per informare giustamente gli interessati sulla situazione attuale nonché per acquisire conoscenze e perplessità sul nuovo percorso.

La scelta dell’accorpamento, che non deprimerà il contrasto agli illeciti ambientali, modifica la struttura dell’Arma dei Carabinieri che avrà una nuova ed inedita organizzazione: la tutela forestale, ambientale e  agroalimentare posta alle dipendenze del Ministero delle Politiche Agricole.

Il personale sarà inquadrato in ruoli differenti dai Carabinieri già in servizio e saranno mantenute le attuali sedi di servizio.

In una prima fase saranno organizzati corsi di formazione per favorire l’integrazione del personale.

Non tutti confluiranno nell’Arma, piccole aliquote saranno destinati nei Vigili del Fuoco, altri nella Guardia di finanza e altri nella Polizia di Stato. Resta comunque valida la facoltà del personale di non entrare nei Carabinieri e scegliere una diversa Amministrazione pubblica.

L’accorpamento Forestale/Carabinieri favorirà la già capillare diffusione sul territorio dei presidi di sicurezza. Con l’eliminazione delle sovrapposizioni tra Carabinieri e Polizia di Stato in provincia, i primi e il corpo Forestale rafforzeranno il dispositivo sul territorio.

Come tutte le riforme, anche questa avrà un periodo transitorio di approfondimento. L’importante è che non ci siano intervalli nei controlli e nelle motivazioni del personale.

Per questo ho chiesto l’incontro e ne avremo ancora man mano che l’integrazione entrerà nel vivo.

Commenti

Related Posts