La campagna elettorale con i soldi pubblici!

La consegna ai veronesi dei kit antilarvali contro le zanzare presso i mercati rionali è diventata la campagna elettorale di qualcuno?

Presso il mercato rionale di Santa Lucia giovedì scorso sono state violate tutte le regole, di diritto e di civiltà.

…di civiltà. E’ una vergogna che la distribuzione dei kit sia effettuata con la presenza del sindaco e di consiglieri comunali di maggioranza con il chiaro intento di farsi propaganda politica.

Incaricati non identificati, con un banchetto con esposto “Comune di Verona” hanno distribuito i kit e raccolto i nominativi di coloro che li ritiravano, accompagnati da una consigliera comunale di maggioranza.

Successivamente, il sindaco e altri consiglieri di maggioranza hanno partecipato alla medesima operazione di distribuzione sovrapponendo la loro campagna elettorale.

…di diritto. Nell’occasione è stato violato un diritto: il banchetto di distribuzione, e non il chiosco previsto, è stato posto laddove era stato autorizzato un banchetto del IV Circolo PD di Verona che è stato arbitrariamente spostato altrove.

I due poliziotti della Polizia Locale, ai quali si sono rivolti i militanti del PD per vedere riconosciuto il diritto a fare la propaganda nello stesso posto, hanno evitato qualsiasi intervento.

Il chiosco per la distribuzione era stato autorizzato in Via Don Mercante e non al posto dell’autorizzato banchetto del PD.

L’iniziativa di distribuzione promozionale del kit, che vuole stimolare i cittadini a effettuare i trattamenti anche nelle proprie aree private, svolgendo un’importante azione di contrasto alla proliferazione delle zanzare, è diventata occasione di campagna elettorale della maggioranza a spese della comunità!

Peraltro, come si rileva dal sito del Comune, il servizio di distribuzione è stato affidato alle ditte Biblion e Triveneta Multiservizi che dovevano essere presenti con un chiosco per distribuire, fino a esaurimento scorte, kit antizanzara e opuscoli informativi.

Non comprendo questi comportamenti che reputo scandalosi. Si impedisce ad un partito di fare politica, si occupano spazi non autorizzati, la Polizia Locale che non interviene e alcuni candidati accompagnano la distribuzione per la quale sono state incaricate due ditte, peraltro pagate con soldi pubblici.

Basterebbe anche meno per dire che sono cose da dittatura.

Termini questo modo di fare e spero che ai prossimi appuntamenti previsti non accada la stessa cosa!

Fonte programma e luoghi distribuzione

https://www.comune.verona.it/nqcontent.cfm?a_id=31028

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *