La debolezza politica

Il capo della propaganda politica della Lega di Salvini è indagato per presunto spaccio di droga e a casa sua i Carabinieri ne hanno trovato un piccolo quantitativo.

Ha chiesto scusa dicendo che si è trattato di una debolezza umana.

La fragilità è parte dell’essere umano, il moralismo, il perbenismo e gli insulti, invece, sono una scelta volontaria.

La Lega, attraverso quel signore, ha utilizzato il moralismo trasformandolo in provocazione, con i social piegati alle loro modalità di aggressione digitale dettando regole a tutti, spessissimo morali ed etiche, ergendosi a censore dei comportamenti umani.

Oggi emerge il vero problema della Lega e di Morisi: l’ambivalenza, peraltro tipica di tanti moralisti e perbenisti a destra.

Mi pongo una domanda: l’ideatore della campagna social della Lega, quella macchina aggressiva che utilizzava i fatti di cronaca per enfatizzarli e lanciarli contro immigrati, gay e avversari politici, copriva quella sua “debolezza ” scaricando fango sugli altri?

Chiunque sarà tentato di agire come facevano, loro, ma spero che nessuno citofoni a casa di Morisi perché le fragilità umane non devono essere oggetto di propaganda, esattamente il contrario di quello che lui stesso proponeva e Salvini attuava.

Sarebbe questo l’insegnamento più importante affinché si affermi un mondo civile che lui e Salvini hanno cercato di distorcere per la loro mania ossessiva di trovare il consenso.

Sulla questione morale nessuno deve sentirsi superiore ad altri e le fragilità umane mai potranno far parte del dibattito politico.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *