La tutela dell’ambiente nella Costituzione

In Senato abbiamo approvato il primo passaggio per integrare la Costituzione con una nuova e innovativa previsione: la tutela dell’ambiente nell’interesse delle future generazioni.

Per la prima volta da quando è entrata in vigore, è stato così modificato l’articolo 9:

“La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali.”

 Mentre l’ambiente è inteso nella sua accezione più estesa e sistemica che comprende l’ecosistema e la biodiversità, la previsione dell'”interesse delle future generazioni”, è assolutamente inedita nel dettato costituzionale e mira a tutelare il futuro del Paese attraverso i giovani.

La modifica costituzionale ha interessato anche l’articolo 41:

“L’iniziativa economica privata è libera.

Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana, alla salute, all’ambiente.

La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali.”

In concreto, l’evoluzione delle diffuse sensibilità verso la tutela dell’ambiente, ha portato al riconoscimento di questa nuova relazione tra la comunità territoriale e l’ambiente che la circonda, all’interno della quale si consolida la consapevolezza della risorsa naturale eco-sistemica non rinnovabile, essenziale ai fini dell’equilibrio ambientale, capace di esprimere una funzione sociale e di incorporare una pluralità di interessi e utilità collettive, anche di natura intergenerazionale.

La modifica, di fatto, trasforma il significato della “tutela del paesaggio” già sancito dall’articolo 9. Infatti, si passa dalla tutela del “monumento in natura”, ovvero di un mero bene (come si rileva dalla discussione fatta in merito dall’Assemblea costituente), in valore primario e sistemico.

La configurazione dell’ambiente come “valore” costituzionalmente protetto delinea una sorta di materia trasversale, in ordine alla quale si manifestano competenze diverse, che ben possono essere regionali, spettando allo Stato le determinazioni che rispondono ad esigenze meritevoli di disciplina uniforme sull’intero territorio nazionale.

Serviranno altri tre passaggi tra Camera e Senato affinché questo importante valore culturale possa essere parte integrante della nostra Costituzione.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *