La vittoria dell’Italia e del Governo.

Coronavirus, sul fondo Ue da mille miliardi c’è l’intesa. Adesso serve un accordo sui bond per finanziarlo ed i tempi d’attivazione

E’ la vittoria del Governo che aveva puntato, insieme con altri, a strumenti diversificati più corrispondenti alle esigenze del momento.

Il vertice ha dato mandato alla presidente von der Leyen di definire il Recovery Fund.

con un piano da 1000 miliardi raccolti sui mercati, in parte con bond (forse 350 miliardi) utilizzando come garanzia il bilancio europeo 2021-2027 che viene rafforzato da nuove contribuzioni dirette e maggiori garanzie da parte dei Paesi ed in parte (i restanti 650 miliardi) con differenti leve legate agli investimenti e spalmato su altri tre programmi per il rilancio dell’economia.

Questi soldi si sommeranno al normale bilancio Ue 2021-2027, anch’esso di 1.000 miliardi, per un totale, quindi, di 2.000 miliardi.

In pratica, i soldi raccolti con gli eurobond sono risorse distinte in parte come prestiti a lunghissima scadenza, quindi da restituire molto in là nel tempo e a tassi più ridotti dei bond nazionali, e in parte a fondo perduto, cioè che non andrebbero restituiti. Non si tratterebbe di una vera e propria mutualizzazione del debito, ma di fatto consentirebbe a Paesi come l’Italia di ricevere risorse grazie a forme di indebitamento comunitario che non coinvolge gli stock di debito accumulati nel passato e che sarebbero limitate solo alla ripresa economica.

Si dibatte dell’emissione di obbligazioni comuni, su quante risorse andranno agli Stati a fondo perduto e quante dovranno esser restituite. Ecco perché i primi ministri hanno dato  mandato alla Commissione europea di presentare una proposta che poi sarà negoziata dai ministri delle Finanze (Eurogruppo) nella speranza che torni agli stessi capi di governo a giungo per il via libera finale.

E infine il nodo più grande: i tempi. Il piano partirebbe non prima del 2021. I governi, infatti, si devono mettere d’accordo sul bilancio 2021-2027, dossier titanico sul quale litigano da due anni. Poi sul Recovery Fund. Tutto quanto andrà ratificato dai parlamenti nazionali.

L’Italia chiede che i soldi arrivino già nei prossimi mesi. Si immagina, allora, una soluzione ponte che inizi a far partire un progetto pilota che poi sfocerebbe nel grande piano.

In ogni caso, poiché il Recovery servirà alla ripresa economica di lungo periodo, per fronteggiare l’immediato sono state prese altre decisioni per un totale di 540 miliardi: 200 miliardi di investimenti della Banca Europea degli Investimenti, 100 miliardi del fondo ‘Sure’ per gli ammortizzatori sociali (l’Italia potrebbe ottenere fino a 20 miliardi per finanziare la cassa integrazione) e i 240 miliardi del Mes senza condizionalità macroeconomiche, senza troika e senza ricette greche.

I “famosi” 36 miliardi che l’Italia potrebbe richiedere al Fondo Salva Stati senza condizionalità sarebbero un prestito a tutti gli effetti, la cui scadenza al momento non è ancora stata definita. Perché allora chiedere aiuto al Fondo Salva Stati e non direttamente al mercato attraverso nuove emissioni? Perché il Fondo Salva Stati presenterebbe denaro ad un tasso molto più basso rispetto a quello che il Tesoro strapperebbe in asta piazzando i propri titoli. Risultato: il governo potrebbe risparmiare diverse centinaia di milioni di euro di spesa per interessi.

Toccherà al Governo se attivarlo o meno.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *