Legge di bilancio, per le famiglie italiane.

Con la Legge di Bilancio 2020, pur con le tante difficoltà incontrate per redigerla, attesi i danni arrecati in questo ultimo anno, è misurabile la ferma volontà del Governo di investire a sostegno di politiche per la famiglia.

Con varie norme di favore, la manovra finanziaria punta ad alleggerire il carico fiscale che grava sui nuclei familiari e investe tante risorse per favorirne lo sviluppo.

In primis, positiva è certamente la costituzione di un fondo per le politiche familiari che ammonta a circa 3 miliardi di euro per i prossimi 3 anni. Il prossimo anno saranno decisi i provvedimenti da finanziare nel dettaglio.

Per i pensionati, abbiamo recuperato l’indicizzazione al costo della vita del 100% per le pensioni fino a 4 volte il minimo. In pratica, abbiamo eliminato il taglio deciso dal precedente governo. Infatti, l’indicizzazione era stata portata al 97% e comunque solo per le pensioni fino a 3 volte il minimo. Un aumento che coinvolgerà molti più pensionati.

Per fronteggiare il delicato tema delle non autosufficienze, abbiamo destinato 550 milioni di euro in più nel fondo appositamente dedicato.

Molto rilevante la decisione di eliminare supertiket sulle ricette di 10 euro. Era un orpello pesante che incideva sulla scelta di comprare i medicinali di tante persone.

Abbiamo allargato la platea di persone che saranno esentate dal canone RAI, portando a 8.000 euro il reddito annuo per non pagarlo.

L’APE sociale, ovvero la speciale indennità erogata a particolari lavoratori fino al conseguimento della pensione nonché l’Opzione donna sono stati estesi anche per il 2020.

Molto rilevante è la riduzione tasse sul lavoro (cuneo fiscale) per 8 miliardi in due anni. Il cuneo incide per il 47,9% sugli stipendi dei dipendenti. Ridurre la differenza tra il costo che sostiene il datore di lavoro e quanto riceve effettivamente il lavoratore in busta paga, porterà ad aumenti stipendiali.

Abbiamo deciso di finanziare i Comuni italiani destinando loro 2,3 miliardi in 15 anni per la costruzione di asili nido.

Abbiamo prorogato per il 2020, ed anche incrementato di un giorno (da 6 a 7), il congedo parentale per i papà.

Abbiamo destinato 150 milioni al fondo a sostegno degli affitti e confermato perennemente la cedolare secca del 10% per gli affitti a canone concordato nei comuni ad elevata densità abitativa.

Con la conferma anche nel 2020 delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie ed il  risparmio energetico, il cerchio si chiude a favore delle tante famiglie italiane.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *