L’Italia non è il far west

Gen 20 2016
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Pochi giorni fa è stato scoperto un cittadino di origine rumene che “comandava” una squadra di accattoni maggiorenni con minorazioni fisiche che tante volte abbiamo visto ai semafori della città.

Il magistrato ha chiesto l’arresto per il reato di riduzione in schiavitù (art. 600 codice penalehttp://www.brocardi.it/codice-penale/libro-secondo/titolo-xii/capo-iii/sezione-i/art600.html).

Il Giudice per le indagini preliminari, invece, ha derubricato il reato e gli ha comminato solo la sanzione dell’obbligo di dimora in altra provincia.

Il sindaco Tosi, con evidenti finalità di propaganda, ha subito detto che occorrerebbe una legge per limitare il potere discrezionale dei magistrati nel decidere.

In poche parole, secondo Tosi, se la Polizia chiede il magistrato deve eseguire.

Tosi sbaglia. Il tema non è la discrezionalità dei magistrati, ma la qualificazione del reato. Se in questa indagine esistesse davvero il reato di riduzione in schiavitù, oggi il responsabile sarebbe in galera.

Il problema è tutto qui, ovvero i fatti non sono stati classificati come riduzione in schiavitù, né tra gli accattoni vi erano minori (art. art. 671 codice penale http://www.brocardi.it/codice-penale/libro-terzo/titolo-i/capo-i/sezione-i/art671.html),

entrambi fattispecie che avrebbero condotto lo “schiavista” direttamente a Montorio.

Per capirci: non è detto che se la polizia giudiziaria classifica un reato poi quel reato regge in Tribunale.

In ogni caso su fatti simili uno Stato deve essere inflessibile e la riflessione si impone.

Infatti, senza entrare nell’indagine, è comunque da valutare il pericolo sociale di questo tipo di fatti, come l’accattonaggio. Lungi da me ragionare sull’onda dell’emozione, ma è impensabile lasciare tutto come adesso. Si rischia che altri lo prendano come esempio o che il responsabile di oggi lo rifaccia altrove, visto che rischia solo la “residenza”.

Segnalerò il contesto al Ministro Orlando per capire in che modo in futuro possono essere evitate queste sgradevoli situazioni.

Commenti

Related Posts