Ma, Sboarina favorisce gli assembramenti?

Con un’Ordinanza anti-covid il sindaco ha interdetto diverse zone della città al transito e alla sosta dei pedoni. Una scelta che sembra ragionevole ed in linea con la diffusione dei contagi, se non fosse che nei divieti non rientrano i veri luoghi della movida veronese.

Ad esempio, è un grave errore non interdire Piazza Erbe e la zona di Ponte Pietra. Così si favoriscono gli assembramenti.

Sboarina diceva che l’ultimo DPCM (18 ottobre) era poco chiaro. Altroché, vista l’ordinanza possiamo dire che ci vede benissimo per alcune zone della città, ma è completamente cieco per Piazza Erbe e altri luoghi (veri) della movida veronese.

Ma è normale ed è logico interdire il transito e la sosta dei pedoni in varie zone della città e non farlo per Piazza Erbe, che è il luogo principe degli assembramenti cittadini?

La scelta di non chiuderla è solo ideologica e noncurante dei pericoli che questo comporta.

Pochi giorni fa, Sboarina urlava che non avrebbe chiuso piazza Erbe, perché la norma del Dpcm era inapplicabile e perché dalle 21 non c’è nessuno che può bere in piedi sul suolo pubblico, ma solo seduto ai tavoli.

La prima cosa si è dimostrata non vera, ma la seconda è risibile: ma se il discrimine è il bere, perché ha interdetto luoghi dove non ci sono bar?

Poiché è una sciocchezza solo pensarlo, caro Sindaco ci dici perché sulla scalinata della Gran Guardia o in Piazzetta Pasque veronesi non si può sostare e in Piazza Erbe, si?

Tutti i veronesi – prosegue il Senatore PD – sanno che non c’è alcun paragone possibile tra i luoghi citati (e tanti altri che sono stati interdetti). Non è normale dire che “se in certi punti della città ci saranno pericoli di assembramenti farò delle ordinanze logiche” e poi prendere decisioni assolutamente irragionevoli e strabiche.

La conseguenza ovvia di questo errore marchiano è che tutti si sposteranno dalle zone interdette (alcune inutili) in Piazza Erbe, Piazza dei Signori e zona Ponte Pietra ove, anche senza bere nulla, potranno sostare in piedi e determinare, così, quegli assembramenti che sarebbero da impedire.

Per paradosso, la scelta illogica di Sboarina potrebbe favorire gli assembramenti laddove già adesso ci sono e saranno destinati ad ingrossarsi.

Serve correggere e integrare subito questa sciocca ordinanza che non risolve il problema e alimenta confusione tra i giovani, oltre a creare un implicito danno ad alcune attività commerciali presenti nelle zone interdette e favorirne altre nelle aree non colpite dall’ordinanza.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *