Officine Ferroviarie Veronesi

Ott 25 2015
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Officine ferroviarie veronesi è un’azienda industriale storica nel tessuto veronese. Nata nel 1901 è diventata una delle più importanti realtà industriali italiane nel campo della progettazione e costruzione di materiale rotabile.
Negli ultimi anni l’azienda si è specializzata principalmente nella produzione di carrozze passeggeri per i treni regionali con particolare attenzione alla progettazione e produzione della costruzione dei telai in ferro e nell’allestimento.
Nel 2011 officine ferroviarie veronesi ha acquisito un’importante commessa dal gruppo Ansaldo che prevedeva la costruzione di 340 carrozze con un piano industriale di tre anni. Ansaldo Breda è la società Finmeccanica specializzata nella costruzione di materiale rotabile tecnologicamente avanzato.
Purtroppo, OFV sta vivendo una situazione di crisi drammatica dovuta alla scelta da parte della proprietà (famiglia Biasi) di avviare la procedura di concordato preventivo e di chiudere l’attività lavorativa. Dal 18 marzo 2014 Officine Ferroviarie Veronesi è stata posta in amministrazione straordinaria. Dal 5 maggio 2013 i 205 lavoratori (ora ridotti a 130) sono in cassa integrazione a zero ore con scadenza 8 dicembre 2015 (e richiesta di proroga fino al 9 marzo 2016).
La storica azienda veronese é comunque protagonista sul mercato ferroviario e occorre fare di tutto per salvaguardare questa storica produzione manifatturiera, perché il core business di officine ferroviarie veronesi è, di fatto, strategico anche nel prossimo futuro.

Poiché Trenitalia:
ha espresso l’impegno di affidare all’ATI costituita dal Consorzio CORIFER (Mandataria) e da Officine Ferroviarie Veronesi S.p.A. (Mandante) un contratto di “service manutentivo” relativo alla revisione di 350 carrozze Vivalto e all’installazione sulle stesse dell’impianto antincendio;
ha affidato, in trattativa privata all’ATI CORIFER/OFV la manutenzione ciclica VIS di n. 135 NCDP Vivalto nel frattempo scadute, compresa la fornitura dei relativi ricambi, per un valore stimato di € 24.328.600,00. Il contratto, purtroppo, non ha avuto termine a causa delle vicende di OFV e CORIFER;;
sta predisponendo un bando di gara per la fornitura di 500 treni regionali,
appare chiaro che dal punto di vista industriale le Officine Ferroviarie Veronesi sono nelle condizioni di ripartire subito e che bisogna evitare che una delle poche realtà italiane rimaste nella progettazione e costruzione di carrozze ferroviarie finisca nel baratro del fallimento

Per questo ho chiesto al Ministro per lo Sviluppo Economico di attivare tutte le iniziative, in collaborazione con la Regione Veneto per fare in modo che venga garantita la continuità operativa ed aziendale delle Officine Ferroviarie Veronese e si tenga conto nelle proprie valutazioni degli impegni che Trenitalia aveva espresso verso l’ATI CORIFER/OFV.

Commenti

Related Posts