Strade, la strozzatura sulla tangenziale per la valpolicella va risolta

Apr 20 2016
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

L’innesto della superstrada che collega la valpolicella alla tangenziale di Verona è una strozzatura non più sopportabile.

Ogni giorno migliaia di automobilisti restano bloccati nel traffico a causa di un insensato  restringimento della carreggiata.

Posso tranquillamente affermare che quella strozzatura è, nei fatti, il secondo più rilevante nodo stradale della provincia dopo quello della Statale 12.

In pratica, una strada costruita per fluidificare il traffico da e verso la Valpolicella e favorire il collegamento tra le diverse aree industriali ed i grandi centri commerciali della zona con la città e l’autostrada in alcuni momenti della giornata, a partire dal primo mattino, diventa un incubo.

Le ripercussioni sono evidenti: meglio uscire e spostarsi su Corso Milano che affrontare code e ritardi vanificando, così, i benefici dello scorrimento veloce.

Sono stati persi anni. Possibile che i progettisti non avessero capito che quell’imbuto avrebbe creato tanti problemi? Per adesso è stato redatto un progetto (dalla Provincia) che amplia le sedi stradali ed in particolare sia l’entrata sia l’uscita dall’autostrada ovvero l’unico modo per risolvere la strozzatura.

Sui finanziamenti relativi va considerato che quella strada è in parte una statale ed in parte una strada regionale.

In primis, quindi, ANAS e Regione Veneto dovrebbero mettersi d’accordo per intervenire – ed è la strada che percorrerò – ma poiché l’asino con più padroni rischia di morire di fame, un’altra opzione potrebbe essere quella che le migliorie stradali necessarie per risolvere definitivamente quell’imbuto siano inserite tra gli obblighi per la nuova concessione per gestire l’autostrada A/22 in modo che sia la nuova società concessionaria a farsi carico della soluzione.

Entrambe le strade sono percorribili e chissà che sia la volta.

Commenti

Related Posts