Articoli

Decreto “Ristoro”. Le decisioni prese.

Il Governo ha stanziato 5,4 miliardi di euro e ne potranno beneficiare ristoranti, partite Iva, gestori di palestre e piscine, discoteche, lavoratori stagionali, termali e dello spettacolo.

Contributi a fondo perduto

I contributi a fondo perduto sono per tutte le aziende che, a causa dell’ultimo Dpcm, sono costrette a chiudere o a ridurre l’orario, ma anche a taxi e noleggi con conducente, indirettamente colpiti. Si parte dai ristori già erogati ai sensi del decreto Rilancio (Maggio 2020), ma questa volta gli importi saranno quasi sempre più alti.

I contributi a fondo perduto sono per circa 460 mila imprese e saranno accreditati a partire dal 15 novembre con erogazione automatica sul conto corrente per chi li ha già ricevuti in precedenza.

I beneficiari sono suddivisi per categorie e, in base all’attività, il contributo varia dal 100% al 400%, fino ad un massimo di 150.000 euro di contributo.

La novità è che possono fare domanda anche le imprese che non ne hanno usufruito nei mesi precedenti e le imprese che fatturano oltre 5 milioni di euro all’anno, con un ristoro pari al 10% da calcolare sulla perdita di fatturato (in passato, escluse).

Il contributo è sempre rapportato alle perdite di fatturato rilevate dalle differenze tra i ricavi di aprile 2020 e di aprile 2019.

I contributi a fondo perduto sono previsti nella misura del:

  • 100% per tassisti e noleggiatori;
  • 150% per gelaterie, pasticcerie e bar senza cucina, aziende agricole e strutture alberghiere;
  • 200% per ristoranti, catering, piscine, palestre, teatri e cinema;
  • 400% per discoteche, sale da ballo e simili.

Quindi, i nuovi aiuti saranno, in base al codice Ateco dell’attività, pari al 100%, al 150% o al 200% rispetto all’aiuto già previsto dal decreto Rilancio, che a sua volta era pari al 20%, 15% o 10% (a seconda della grandezza dell’azienda) della perdita subìta.[1]

Esempi:

Attività con ricavi e compensi inferiori a 400mila euro Ricavi aprile 2019 Ricavi aprile 2020 (e perdite) Contributo DL Rilancio (Maggio)

 

Contributo DL Ristoro

(% di oggi x20% di maggio)

Bar, pasticcerie 15.000 3.000 (-12.000) 2.400 (20%) 3.600 (150%)
Ristoranti 20.000 5.000 (-15.000) 3.000 (20%) 6.000 (200%)
Palestre, piscine 40.000 10.000 (-30.000) 6.000 (20%) 12.000 (200%)
Discoteche 100.000 20.000 (-80.000) 16.000 (20%) 48.000 (400%)

 

  1. Le cifre sono indicate – per comodità – per consentire il risultato superiore ai 2.000 euro a fondo perduto, importo minimo del contributo comunque da erogare nel caso in cui la differenza aprile 2020/aprile 2019 generasse un contributo inferiore.

Per i ristori ci sarà un doppio binario: per chi lo ha già avuto l’indennizzo sarà automatico e arriverà con bonifico sul conto corrente da parte dell’Agenzia delle entrate entro il 15 novembre. Potranno presentare la domanda anche le attività che non hanno usufruito dei precedenti contributi. L’Agenzia riaprirà il canale per le istanze e il ristoro arriverà entro la metà di dicembre.

Rata IMU cancellata

In arrivo la cancellazione dellaseconda rata dell’IMU, da pagare entro il 16 dicembre 2020. Questa dovrebbe essere eliminata per tutti i soggetti economici colpiti dal DPCM 25 ottobre: ristoratori, gestori di cinema, teatri, palestre, piscine e altre attività per le quali è imposta la chiusura totale o anticipata alle 18.00.

Credito d’imposta per affitti commerciali

Il credito d’imposta sugli affitti commerciali al 60% riguarda i mesi diottobre, novembre e dicembre. La misura viene allargata alle imprese con ricavi superiori a 5 milioni di euro annui, a patto che abbiano subito un calo di fatturato di almeno il 50%.
Il credito sarà cedibile al proprietario dell’immobile locato.

Proroga cassa integrazione

Tra le novità principali del nuovo decreto c’è la proroga della Cig per altre 6 settimane, un intervento che, da solo, richiede 1,6 miliardi di euro. La proroga riguarda il periodo compreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021 e possono beneficiarne le imprese che hanno esaurito le settimane precedenti.

È prevista un’aliquota contributiva addizionale differenziata sulla base della riduzione di fatturato.  Per le imprese che hanno avuto una riduzione di fatturato oltre il 20% la Cig è gratuita, stessa cosa per i datori che hanno avviato l’attività dopo il 1° gennaio 2019.

Bonus lavoratori spettacolo, turismo, stagionali e termali

Confermata l’indennità di 1.000 euro per i lavoratori dello spettacolo (intermitenti e autonomi), stagionali e del turismo. Per queste categorie il decreto prevede anche la proroga della cassa integrazione.

È riconosciuta un’ulteriore indennità destinata a tutti i lavoratori del settore sportivo che avevano già ricevuto le indennità previste dai decreti “Cura Italia” (decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18) e “Rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34). L’importo è aumentato da 600 a 800 euro.

Reddito di emergenza

Per coloro che ne hanno già beneficiato nei mesi passati, il dl Ristori conferma il reddito di emergenza per altre due mensilità. Il valore del beneficio può arrivare anche a 800 euro (attualmente in media 560 euro per circa 300mila famiglie).

Esonero contributi previdenziali

A sostegno dell’imprenditoria, il dl Ristori prevede lo stop ai versamenti previdenziali per le imprese che hanno sospeso o ridotto l’attività a causa del Covid-19, tranne quelle del settore agricolo (per le quali sono previste altre misure). L’esonero contributivo dura 4 mesi al massimo ed è fruibile entro e non oltre maggio 2021.
Il quantum dell’esonero viene calcolato sulla base della perdita di fatturato:

  • fino al 50% per le imprese che hanno avuto una riduzione inferiore al 20%;
  • fino al 100% per le imprese con riduzione pari o superiore al 20%.

Filiera agricola, della pesca e dell’acquacoltura

Previsto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali per tutta la filiera agricola, della pesca e dell’acquacoltura. La misura riguarda i contributi dovuti per il mese di novembre. Tale beneficio è riconosciuto anche a imprenditori agricoli, coltivatori diretti, mezzadri e coloni.

Stanziati 100 milioni di euro per sostenere tutta la filiera e la concessione di contributi a fondo perduto per gli imprenditori che hanno avviato l’attività dopo il 1° gennaio 2019 e a chi ha avuto un calo di fatturato superiore al 25% rispetto a novembre dello scorso anno.

Settore sportivo: le indennità previste

Tra i settori maggiormente colpiti c’è quello sportivo, soprattutto dilettantistico. Il dl Ristori riconosce un’indennità ulteriore per coloro che lavorano con lo sport ed hanno già ricevuto le indennità di 600 euro stabilite dal Cura Italia e poi dal dl Rilancio. L’importo del beneficio è aumentato a 800 euro.

Inoltre viene istituito un apposito Fondo con 50 milioni di euro da destinare alle società sportive dilettantistiche danneggiate dalla riduzione o chiusura totale delle attività.

Pacchetto Giustizia

Non da ultimo, il nuovo decreto si occupa anche del comparto Giustizia, con diversi articoli dedicati alle misure di prevenzione nei tribunali. Tra le novità ci sono l’implementazione del deposito di atti e documenti via PEC, l’accesso agli atti da remoto e la possibilità di procedere a divorzio e separazione senza comparizione delle parti.

Computer studenti

Al provvedimento sono state agganciate anche altre misure, come gli 85 milioni per acquistare computer per gli studenti.

Fondi di sostegno per alcuni dei settori più colpiti

È stanziato complessivamente 1 miliardo per il sostegno nei confronti di alcuni settori colpiti:

  • 400 milioni per agenzie di viaggio e tour operator;
  • 100 milioni per editoria, fiere e congressi;
  • 100 milioni di euro per il sostegno al settore alberghiero e termale;
  • 400 milioni di euro per il sostegno all’export e alle fiere internazionali.
  • 100 milioni di euro per la filiera agricola.

 Sostegno allo sport dilettantistico

Per far fronte alle difficoltà delle associazioni e società sportive dilettantistiche viene istituito un apposito Fondo le cui risorse verranno assegnate al Dipartimento per lo sport.

Il Fondo viene finanziato per 50 milioni di euro per il 2020 per l’adozione di misure di sostegno e ripresa delle associazioni e società sportive dilettantistiche che hanno cessato o ridotto la propria attività, tenendo conto del servizio di interesse generale che queste associazioni svolgono, soprattutto per le comunità locali e i giovani.

Salute e sicurezza

È previsto un insieme di interventi per rafforzare ulteriormente la risposta sanitaria del nostro Paese nei confronti dell’emergenza Coronavirus. Tra questi:

  • lo stanziamento dei fondi necessari per la somministrazione di 2 milioni di tamponi rapidi presso i medici di famiglia;
  • l’istituzione presso il Ministero della salute del Servizio nazionale di risposta telefonica per la sorveglianza sanitaria e le attività di contact tracing.

Ecco nel dettaglio a quali tipologie di attività di applicheranno i diversi coefficienti di incremento. In ogni caso, successivi decreti del ministro dello Sviluppo economico di concerto con quello dell’economia potrannoaggiungere ulteriori codici relativi a settori “direttamente pregiudicati dalle misure restrittive introdotte dai decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri”.

CODICI ATECO INTERESSATI E % DI CONTRIBUTO:

493210 Trasporto con taxi 100%
493220 Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimesse con conducente 100%
561011 Ristorazione con somministrazione 200%
561012 Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole 200%
561030 Gelaterie e pasticcerie 150%
561041 Gelaterie e pasticcerie ambulanti 150%
561042 Ristorazione ambulante 200%
562100 Catering per eventi, banqueting 200%
563000 Bar e altri esercizi simili senza cucina 150%
591400 Attività di proiezione cinematografica 200%
823000 Organizzazione di convegni e fiere 200%
900400 Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche 200%
931110 Gestione di stadi 200%
931120 Gestione di piscine 200%
931130 Gestione di impianti sportivi polivalenti 200%
931190 Gestione di altri impianti sportivi nca 200%
931200 Attività di club sportivi 200%
931300 Gestione di palestre 200%
931910 Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi 200%
931999 Altre attività sportive nca 200%
932100 Parchi di divertimento e parchi tematici 200%
932910 Discoteche, sale da ballo night-club e simili 400%
932930 Sale giochi e biliardi 200%
932990 Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca 200%
960410 Servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali) 200%
960420 Stabilimenti termali 200%
960905 Organizzazione di feste e cerimonie 200%
551000 Alberghi 150%
552010 Villaggi turistici 150%
552020 Ostelli della gioventù 150%
552030 Rifugi di montagna 150%
552040 Colonie marine e montane 150%
552051 Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence 150%
552052 Attività di alloggio connesse alle aziende agricole 150%
553000 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte 150%
559020 Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero 150%
493901 Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano 200%
773994 Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi 200%
799011 Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento 200%
799019 Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca 200%
900101 Attività nel campo della recitazione 200%
900109 Altre rappresentazioni artistiche 200%
900201 Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli 200%
900209 Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche 200%
920009 Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse (comprende le sale bingo) 200%
949920 Attività di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby 200%
949990 Attività di altre organizzazioni associative nca 200%

[1] Decreto Rilancio (Maggio 2020): l’ammontare del contributo si calcola applicando una diversa percentuale alla differenza tra l’importo del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’analogo importo del mese di aprile 2019.

Le percentuali previste erano le seguenti:

  • 20%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori o pari a 400.000 euro
  • 15%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia precedente ma non l’importo di 1.000.000 euro
  • 10%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia precedente ma non l’importo di 5.000.000 euro.

Il contributo era comunque riconosciuto per un importo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

 

Il nemico è il virus, non le attività economiche

Le ultime decisioni prese dal Governo hanno l’obiettivo di ridurre il più possibile la mobilità delle persone e, quindi, gli assembramenti.

Il quadro generale è a tutti noto.

Siamo di fronte ad un’importante ripresa dei contagi, alle prime (avanzate) sofferenze del sistema sanitario, all’ormai impossibilità di tracciare tutti i contagiati.

Il quadro è aggravato dal fatto che ovunque in Europa la situazione è molto critica e la mobilità tra Paesi non è stata (ne sarà) limitata.

Un altro dato importante: l’indagine epidemiologica ufficialmente avviata dal Governo e svolta all’inizio dell’estate ha certificato che in Italia i contagiati erano stati circa 1,4 milioni. Eppure, i dati ufficiali dei contagiati (decessi compresi) al 28 giungo scorso erano solo 240.310.

È altamente probabile che oggi sia nuovamente così, tant’è che quasi il 55% dei positivi sono asintomatici e tali restano. Ne vengono scoperti di più perché si fanno in media 160mila tamponi al giorno. Fino a giugno in media erano solo più o meno 30mila.

Un ulteriore dato sono le terapie intensive. È vero che ne sono state predisposte qualche migliaio in più rispetto alla primavera, ma è da tenere conto che mediamente il 75% di esse viene occupato da pazienti non covid, quindi, i numeri sono di molto inferiori, tant’è che l’asticella per l’allarme è fissata al 30% del loro riempimento (ad esempio, in Veneto siamo in fascia 3, ovvero tra 151/250 pazienti in terapia intensiva. La fascia massima è la 5 con 400 pazienti in terapia intensiva su 1.016 posti disponibili (fonte: piano di sanità pubblica della Regione Veneto) superata la quale le restrizioni saranno al massimo livello).

Inoltre, dato non indifferente, sono importanti i calcoli statistici degli epidemiologi che presuppongono in prospettiva numeri significativi di contagiati, ricoverati e decessi (ad esempio, avevano previsto anche 16mila contagi a fine ottobre, ma siano ben oltre i 20mila).

A questi livelli, è impossibile il tracciamento

Mi spiego meglio in numeri: per ogni contagiato le ASL dovrebbero rintracciare 10/15 persone per il conseguente isolamento fiduciario.

Posto che servono almeno 15 minuti per ognuno, occorrono 3,75 ore (su 15) per ciascun contagiato. Moltiplicato per 2mila (più o meno i contagiati quotidiano più in Veneto), fanno 7.500 ore al dì.

Impegno insostenibile.

Rispetto a tutto questo, ed è ragionevolmente impossibile qualsiasi ragionamento “localistico” in virtù del quale si pensa che un territorio stia meglio di altri.

Come pure è poco realistico sostenere che ci sono attività che per lo stretto rispetto delle regole (non ho dubbi in merito), non favoriscono i contagi.

Il tema centrale attorno al quale ruotano le valutazioni scientifiche non sono i territori o le singole attività economiche, bensì la mobilità e gli assembramenti.

Faccio un esempio: dalle 18,00, che per la maggior parte è il termine dell’attività lavorativa, si mobilitano svariati milioni di italiani.

La “chiusura” mira a colpire proprio quella mobilità.

Quindi, la causa dei contagi non sono quelle attività, ma ciò che la loro presenza determina, ovvero la mobilità di milioni persone.

La differenza tra le 18,00 e le 23,00 (nessuno era contrario alla chiusura, la differenza era solo sull’orario), sta nei numeri. Chiudere alle 18,00 consente di ridurre la mobilità di diversi milioni in più rispetto alle 23,00, senza compromettere la maggioranza delle attività lavorative, scolastiche e personali che si svolgono prima delle 18. Questo è il punto.

Ovviamente c’è un pesante effetto collaterale su tutte le attività che si sviluppano in quella fascia oraria e dovranno essere prontamente risarcite.

Nel frattempo, rispetto ad alcune obiezioni che sono state giustamente poste, per contenere al massimo i tempi di questa chiusura si sta agendo anche su altri fronti. Per i trasporti sono stati cospicuamente finanziati servizi aggiuntivi (attuati in ritardo a causa della scarsa reattività delle regioni, ma adesso sta funzionando).

Per la scuola è stata fatta una scelta di natura pedagogica.

Mentre per le scuole superiori la didattica a distanza deve essere almeno del 75% (anche qui nessun contrario, la differenza era solo sulle percentuali) – con il beneficio di ridurre i pendolari –  “materne, elementari e medie” si svolgono in presenza perché si è ragionevolmente valutato il beneficio per i bambini delle relazioni sociali che la scuola ha sulla loro formazione (nessuno aveva proposto di chiuderle) ed in più non gravano sui trasporti.

Il nodo del trasporto pubblico

La domanda è nota: perché non si è pensato agli assembramenti sui mezzi di trasporto pubblico? Si sapeva che con la riapertura delle scuole ci sarebbe stato il sovraffollamento?

Innanzitutto una premessa: nel settore dei trasporti pubblici le competenze sono attribuite alle Regioni. Le Regioni sono tenute a delegare agli enti locali tutte le funzioni e i compiti regionali in materia di trasporto pubblico locale ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione, che non richiedono l’unitario esercizio a livello regionale.

Allo Stato, oltre ad un compito centrale in materia di finanziamento dei servizi di trasporto pubblico locale, rimangono esclusivamente le competenze in materia di accordi internazionali relativi a servizi di trasporto transfrontalieri, sicurezza dei trasporti, linee guida e principi volti alla tutela ambientale.

Per affrontare la drastica riduzione dei ricavi causa Covid nonché il rimborso degli abbonamenti non fruiti e, quindi, garantire la continuità del servizio, con il decreto Rilancio (nr. 34/2020) sono stati stanziati 500 milioni di euro per l’anno 2020 aggiuntivi rispetto ai fondi ordinari stabiliti. La ripartizione di queste risorse è avvenuta con DM (MIT) 340 dell’11.08.2020.

 

In data 26 agosto 2020, il Comitato Tecnico Scientifico (CTS) ha affrontato il tema e il 31 agosto 2020 la Conferenza Unificata ha approvato le “Linee guida” del trasporto pubblico, indicate dal CTS. 

 

Le decisioni prese prevedevano, tra le altre, un coefficiente di riempimento non superiore all’80 % attraverso una maggiore riduzione dei posti in piedi rispetto a quelli seduti nonché lo stanziamento di risorse ulteriori per le Regioni e per Comuni e Province per i servizi aggiuntivi di trasporto ritenuti indispensabili per l’avvio dell’anno scolastico. 

 

Ciò ha comportato che con il decreto Agosto (n. 104/2020) sono stati stanziati ulteriori 400 milioni di euro in favore del trasporto pubblico locale. Tali risorse, nel limite di 300 milioni di euro, potevano essere utilizzate anche per il finanziamento di servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale e, successivamente, con il decreto legge dell’8 settembre (n. 111/ 2020), ciascuna Regione e provincia autonoma è stata autorizzata all’attivazione dei suddetti servizi aggiuntivi di traporto pubblico per un importo pari a 150 milioni di euro. Gli altri 150 milioni di euro sono stati destinati ai comuni per il trasporto scolastico.

 

I criteri di ripartizione erano gli stessi del DM (MIT) 340 dell’11.08.2020.

 

In sostanza, da inizio settembre le società concessionarie dei servizi di trasporto potevano provvedere alla stipulazione diretta di contratti con ditte private per i servizi aggiuntivi (bus turistici, taxi, NCC) e poi farsi autorizzare dagli enti concedenti.

 

Cosa è successo?

 

In diverse regioni, tra cui il Lazio e la Toscana, sono partiti prima dell’inizio dell’anno scolastico, altre no. Ad esempio, il Veneto ha completato l’impegno a partire dal 26 di ottobre. Inoltre, ad oggi, di quei 300 milioni autorizzati, risultano non impegnati 180 milioni di euro.

Ma, Sboarina favorisce gli assembramenti?

Con un’Ordinanza anti-covid il sindaco ha interdetto diverse zone della città al transito e alla sosta dei pedoni. Una scelta che sembra ragionevole ed in linea con la diffusione dei contagi, se non fosse che nei divieti non rientrano i veri luoghi della movida veronese.

Ad esempio, è un grave errore non interdire Piazza Erbe e la zona di Ponte Pietra. Così si favoriscono gli assembramenti.

Sboarina diceva che l’ultimo DPCM (18 ottobre) era poco chiaro. Altroché, vista l’ordinanza possiamo dire che ci vede benissimo per alcune zone della città, ma è completamente cieco per Piazza Erbe e altri luoghi (veri) della movida veronese.

Ma è normale ed è logico interdire il transito e la sosta dei pedoni in varie zone della città e non farlo per Piazza Erbe, che è il luogo principe degli assembramenti cittadini?

La scelta di non chiuderla è solo ideologica e noncurante dei pericoli che questo comporta.

Pochi giorni fa, Sboarina urlava che non avrebbe chiuso piazza Erbe, perché la norma del Dpcm era inapplicabile e perché dalle 21 non c’è nessuno che può bere in piedi sul suolo pubblico, ma solo seduto ai tavoli.

La prima cosa si è dimostrata non vera, ma la seconda è risibile: ma se il discrimine è il bere, perché ha interdetto luoghi dove non ci sono bar?

Poiché è una sciocchezza solo pensarlo, caro Sindaco ci dici perché sulla scalinata della Gran Guardia o in Piazzetta Pasque veronesi non si può sostare e in Piazza Erbe, si?

Tutti i veronesi – prosegue il Senatore PD – sanno che non c’è alcun paragone possibile tra i luoghi citati (e tanti altri che sono stati interdetti). Non è normale dire che “se in certi punti della città ci saranno pericoli di assembramenti farò delle ordinanze logiche” e poi prendere decisioni assolutamente irragionevoli e strabiche.

La conseguenza ovvia di questo errore marchiano è che tutti si sposteranno dalle zone interdette (alcune inutili) in Piazza Erbe, Piazza dei Signori e zona Ponte Pietra ove, anche senza bere nulla, potranno sostare in piedi e determinare, così, quegli assembramenti che sarebbero da impedire.

Per paradosso, la scelta illogica di Sboarina potrebbe favorire gli assembramenti laddove già adesso ci sono e saranno destinati ad ingrossarsi.

Serve correggere e integrare subito questa sciocca ordinanza che non risolve il problema e alimenta confusione tra i giovani, oltre a creare un implicito danno ad alcune attività commerciali presenti nelle zone interdette e favorirne altre nelle aree non colpite dall’ordinanza.

Questo è il nuovo Decreto anti-Covid-19

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 18 ottobre 2020 sulle misure per il contrasto e il contenimento dell’emergenza Covid-19.

 

DPCM 18 ottobre 2020

 

Allegato A Dpcm_18102020

Il Veneto (Zaia) non ha attivato l’App Immuni.

Per colpa di Zaia, la App Immuni non è stata attivata in Veneto, ovvero non è possibile in tutta la Regione condividere i dati che ha tracciato via bluetooth tutti i contatti nelle ultime settimane.

La app. Immuni è uno strumento in più contro l’epidemia in quanto consente, attraverso l’impiego ottimale della tecnologia, di avvertire gli utenti che hanno avuto un’esposizione a rischio, anche se sono asintomatici, garantendo loro la massima attenzione alla privacy.

A chi si è trovato a stretto contatto con un utente risultato positivo al virus del COVID-19, l’app invia una notifica che lo avverte del potenziale rischio di essere stato contagiato e ciò avviene senza raccogliere dati sull’identità o la posizione dell’utente.

Gli utenti che vengono avvertiti dall’app di un possibile contagio possono isolarsi per evitare di contagiare altri. Così facendo, aiutano a contenere l’epidemia e a favorire un rapido ritorno alla normalità e, inoltre, venendo informati tempestivamente, gli utenti possono contattare il proprio medico di medicina generale e ridurre così il rischio di complicanze.

L’applicazione è disponibile dal 1º giugno 2020, con una sperimentazione iniziata l’8 giugno in quattro regioni e l’estensione al resto dell’Italia dal 15 giugno. Tutti i dati raccolti durante il periodo di attività, siano essi salvati sul dispositivo o sul server, vengono cancellati non appena non sono più necessari e comunque, secondo le disposizioni attualmente in vigore, non oltre il 31 dicembre 2021;

Sebbene non obbligatoria, la app Immuni è stata scaricata da oltre 534mila veneti, secondo i dati del Ministero della salute. Il Veneto è la quarta regione per numero di download, dietro a Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna a dimostrazione che i veneti hanno compreso l’importanza di questo mezzo;

Incredibilmente, la App non è stata attivata in Veneto, ovvero non è possibile in tutta la Regione condividere i dati che ha tracciato via bluetooth tutti i contatti nelle ultime settimane.

Un ritardo pericoloso. Di fatto, per mesi nella Regione Veneto per chissà quanti contagiati non è stato possibile effettuare il tracciamento mediante questo importante strumento aggiuntivo per i Servizi di Igiene e Sanità Pubblica nell’identificazione di eventuali contatti.

Una grave responsabilità di Zaia che, al contrario, continua a pontificare su tutto, tranne fare il proprio dovere. Dopo tre mesi ancora non abbiamo Immuni.

Ho presentato un’interrogazione al Ministro Speranza per chiedergli di premere su Zaia e sostenere ogni azione funzionale alla sua attivazione e, se necessario, surrogare la Regione Veneto.

Bus affollati? La soluzione c’è e da tempo!

Per ridurre la capienza degli autobus, ATV può avviare servizi aggiuntivi nelle fasce orarie più cariche e gli orari delle scuole possono essere scaglionati. Serve un piano..

Per il trasporto pubblico locale è stato disposto il riempimento dei mezzi in misura non superiore all’80% dei posti consentiti della carta di circolazione dei medesimi.

E’ più che evidente che in alcune fasce orarie è difficile rispettare questo limite e, peraltro, le evidenze scientifiche dimostrano che i tempi di percorrenza media dei passeggeri, pur in presenza di misure quali l’apertura dei finestrini o di altre prese d’aria in grado di garantire il ricambio d’aria, non risultano sufficienti per contrastare sufficientemente la diffusione dei contagi.

Anche per questo è necessario corrispondere i timori diffusi dei veronesi e la conseguenza, negativa, di impedire l’usufruizione del trasporto pubblico e, quindi, l’incremento del traffico veicolare privato sulle nostre strade.

Per questo, su proposta del PD, nel Decreto Agosto è stata inserita una norma (comma 3 sexies art. 57) che autorizza procedure snelle per l’affidamento degli eventuali servizi aggiuntivi in subconcessione (aggiudicazioni in “urgenza” secondo quanto previsto dall’art.163 co.7 del codice degli appalti).

Grazie alla nostra proposta, l’appaltatore/concessionario del servizio di trasporto pubblico, qual è ATV, può individuare un soggetto, compreso le aziende dei bus turistici, stipulare con loro un contratto di sub-affidamento/sub concessione e inviarlo all’amministrazione concedente.

Questa autorizza il subaffidamento condizionando risolutivamente lo stesso all’esito dei controlli attestanti il possesso dei requisiti di idoneità professionale e l’assenza dei motivi di esclusione sulle dichiarazioni rese e prevedendo in caso di esito negativo la revoca dell’autorizzazione e il pagamento delle sole prestazioni effettivamente eseguite.

Questa velocissima procedura consente di attutire il problema del sovraccarico dei bus, soprattutto in alcuni orari. Le spese per i servizi aggiuntivi, peraltro, sono rimborsati dallo Stato e per questo abbiamo già finanziato le Regioni con 180 milioni di euro.

Ecco l’altro punto. Io credo che i ragazzi debbano frequentare la scuola e, pertanto, propongo un tavolo urgente tra Comune, Provincia e Direzione scolastica provinciale per studiare un piano con le azioni migliori per diluire il “peso” degli studenti sugli autobus.

Una scelta simile, accompagnata dall’impiego di altri bus – così si impegnano ditte ferme a causa del virus – certamente risolverebbe il cogente rispetto dell’80% di capienza degli autobus.

Il Consiglio Europeo sui cambiamenti climatici

Il Consiglio Europeo ha affrontato il dibattito di orientamento sul cambiamento climatico e lo farà ancora nella riunione già prevista per il 10 e 11 dicembre prossimi.

Sono state affrontate le ambizioni dell’Unione per il prossimo decennio, nonché il quadro per le politiche dell’energia e del clima, al fine di rispettare gli obiettivi di un’UE neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050.

Il confronto è stato centrato sul “Piano per l’obiettivo climatico 2030 dell’UE”. In questo documento si auspica di ridurre entro il 2030 le emissioni di gas a effetto serra almeno del 55% rispetto ai livelli del 1990.

Il “Quadro 2030 per l’energia e il clima” prevede al 2030:

  • la produzione di almeno il 32% dell’energia da fonti rinnovabili;
  • un miglioramento dell’efficienza energetica pari almeno al 32,5%;
  • l’innalzamento delle interconnessioni elettriche al 15% in ciascuno Stato membro per migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento;
  • nuovi limiti vincolanti alle emissioni di carbonio prodotte dalle autovetture (37,5% rispetto ai livelli del 2021), dai furgoni (31% rispetto al 2021) e dai camion (30% rispetto al 2019).

L’obiettivo di una maggiore riduzione delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 prevede di contenere l’aumento della temperatura terrestre al di sotto di 2 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali, compiendo gli sforzi possibili per raggiungere la soglia di 1,5 gradi centigradi.

E’ previsto, altresì, che i Paesi membri mantengano dei contributi determinati a livello nazionale, aggiornandoli ogni cinque anni.

Siamo sulla buona strada. I dati pubblicati dall’Agenzia europea per l’ambiente (AEA) nel settembre 2020 mostrano una riduzione delle emissioni dell’UE quasi del 4% nel 2019 rispetto al 2018. Questa riduzione pone le emissioni dell’UE di circa il 24% al di sotto dei livelli del 1990 (26% se si include il Regno Unito).

E’ in discussione, comunque, una proposta di legge europea sul clima, presentata dalla Commissione europea nel marzo 2020, per stabilire un obiettivo comune giuridicamente vincolante a livello di UE di zero emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050, cosicché le emissioni di gas serra non superino le rimozioni di gas serra.

Il Governo ha valutato positivamente la presentazione della legge europea sul clima.

Infine, per quanto concerne le risorse che serviranno, il prossimo Quadro finanziario pluriennale 2021-2017, i cui negoziati sono tutt’ora in corso, prevede di destinare almeno il 30% della spesa complessiva all’azione per il clima (a fronte del 25% proposto dalla Commissione e del 20% dell’attuale bilancio). Sia il bilancio che Next Generation EU (Recovery fund), il fondo per la ripresa, dovranno rispettare l’obiettivo della neutralità climatica dell’UE entro il 2050 e contribuire al raggiungimento dei nuovi obiettivi climatici 2030 dell’Unione.

La situazione economica italiana ai tempi Covid

Il Parlamento ha approvato la Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza che ridefinisce il quadro programmatico di finanza pubblica nel quale saranno inserite le misure della prossima legge di bilancio, che avrà come obiettivo quello di sostenere la ripresa dell’economia italiana nel triennio 2021-2023, in stretta coerenza con il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

La Nota ripercorre il difficile contesto che ha caratterizzato i mesi passati. Il contenimento dei contagi e la salvaguardia della salute hanno richiesto l’adozione di misure via via più stringenti, con una pesante ricaduta sul tessuto economico del Paese, che ha registrato la peggiore caduta del prodotto interno lordo della storia repubblicana.

Dal mese di maggio, grazie al graduale allentamento delle misure di prevenzione e agli imponenti interventi di politica economica messi in atto – quantificabili in 100 miliardi in termini di impatto sull’indebitamento netto della pubblica amministrazione, a cui va aggiunto l’ammontare senza precedenti delle garanzie pubbliche sulla liquidità – si sono iniziati a registrare segnali di ripresa, che consentono, per il terzo trimestre dell’anno, di prevedere un rimbalzo del PIL maggiore di quello ipotizzato nel DEF.

Complessivamente, la previsione di variazione del PIL reale per il 2020 viene abbassata dal -8% della previsione del DEF al -9% (che potrebbe arrivare a -10,5% in caso di recrudescenza dell’epidemia), con un’inversione di tendenza per gli anni successivi, per i quali l’aumento tendenziale è del 5,1% nel 2021, del 3% nel 2022 e dell’1,8% nel 2023.

Il principale motivo della revisione al ribasso per il 2020 risiede nella contrazione più accentuata del PIL nel secondo trimestre, a sua volta spiegata da una durata del periodo di parziale chiusura delle attività produttive in Italia e da una diffusione dell’epidemia su scala globale superiori a quanto ipotizzato in aprile. Si è inoltre adottata una previsione assai più cauta di incremento del PIL nel quarto trimestre (ora cifrata in uno 0,4% a fronte del 3,8% previsto nel DEF).

Per quanto riguarda la programmazione delle finanze pubbliche, la Nota prevede per il 2021 un deficit pari al 7% del PIL. Rispetto alla legislazione vigente, che prevede un rapporto deficit/PIL pari al 5,7%, si presenta quindi lo spazio per una manovra espansiva pari a 1,3 punti percentuali di PIL (oltre 22 miliardi di euro).

Per questa ragione, con la Nota di aggiornamento è stato chiesto al parlamento di autorizzare il relativo scostamento, dichiarando di voler utilizzare questo spazio fiscale, con la prossima legge di bilancio 2021-2023, per interventi di natura fiscale, l’adozione di misure per il sostegno e lo sviluppo delle imprese, interventi per la salvaguardia dell’occupazione e il rilancio degli investimenti pubblici e privati.

In particolare, tra gli ambiti principali della prossima manovra di bilancio, ci sono:

– il rifinanziamento delle politiche invariate non coperte dalla legislazione vigente (missioni di pace, rifinanziamento di taluni fondi di investimento, fondo crisi d’impresa, ecc.);

– la previsione di significative risorse per il sostegno all’occupazione e ai redditi dei lavoratori, segnatamente nei settori più colpiti dall’emergenza Covid-19 e con particolare riferimento al 2021;

– il completamento del finanziamento del taglio del cuneo fiscale sul lavoro dipendente (i c.d. 100 euro);

– il finanziamento del taglio contributivo al Sud già introdotto dal decreto-legge “agosto” limitatamente alla seconda metà del 2020.

Un’importante componente della politica di bilancio per il 2021-2023 sarà il pieno utilizzo delle risorse messe a disposizione dal Next Generation EU (NGEU) per incrementare gli investimenti pubblici in maniera inedita e aumentare le risorse per la ricerca, la formazione, la digitalizzazione e la riconversione dell’economia in chiave di sostenibilità ambientale.

 

Gli indirizzi per il Recovery plan.

Sono stato il relatore del parere della Commissione Trasporti e Infrastrutture del Senato sulle Linee guida per il Piano nazionale di ripresa e resilienza da finanziare con il Recovery fund nell’ambito del quale all’Italia sono stati assegnati circa 208 miliardi di euro, la quota maggiore tra tutti i paesi membri UE.

In merito, il settore delle Infrastrutture assume un ruolo strategico tanto che la quota più significativa delle risorse sarà destinata proprio in questo comparto.

Quali sono le Linee guida da seguire per la redazione del Piano in cui saranno declinati gli interventi veri?

Innanzitutto, perseguire gli obiettivi strategici contenuti nell’allegato al DEF 2020 “Italia veloce” che indica le opere prioritarie, gli strumenti di finanziamento e il livello di maturità progettuale, accompagnati dalla riduzione degli oneri burocratici e la semplificazione delle procedure, sia nella fase di affidamento che in quella di esecuzione degli appalti, anche grazie all’utilizzo dei poteri derogatori attribuiti alle stazioni appaltanti dalle previsioni del Decreto Semplificazioni.

Devono essere privilegiati gli interventi di sviluppo dei sistemi infrastrutturali a rete, con particolare riguardo al completamento di quelli riguardanti le reti di trasporto transeuropee (TEN-T) e i nodi multimodali, nonché gli interventi e le opere che hanno un’elevata maturità progettuale o programmi di interventi che rispondono a procedure attrattive sperimentali ed efficaci.

Serve un programma relativo agli investimenti nella rete aeroportuale e per ridurre il divario infrastrutturale per la mobilità passeggeri e merci tra le aree del Paese ed in particolare tra il nord e il sud.

Occorre potenziare le linee ferroviarie regionali e interregionali e affrontare il gap infrastrutturale e strumentale della mobilità locale.

Va migliorata la resilienza del Paese supportando la crescita sostenibile attraverso l’implementazione degli interventi per lo sviluppo di porti e l’accessibilità portuale e l’ammodernamento delle strade regionali e degli enti locali per la coesione territoriale e il collegamento con le aree interne.

Deve essere predisposto un Piano nazionale al fine di ridurre il disagio abitativo e rigenerare gli ambiti urbani particolarmente degradati e carenti di servizi in un’ottica di innovazione e sostenibilità green.

Questi, tra tanti altri, gli orientamenti espressi nel parere quali indirizzi programmatici per il Governo nell’utilizzo delle ingenti risorse europee.