Una lista fuori dal centrosinistra? A Massignan dico: incontriamoci

Ott 18 2015
(0) Comments
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus

Il Partito Democratico che nonostante la grave sconfitta alle regionali ha una certa forza in città, potrà avere anche tanti difetti, ma resta il Partito di riferimento per l’intera area politica del centrosinistra.
Alle amministrative avremo quattro schieramenti più o meno equivalenti: oltre a noi, il centrodestra, la Lista Tosi e il M5S. Ci sono spazi per altre formazioni? Dubito. A quel punto, una divisione nel centrosinistra sottrarrebbe e non porterebbe al risultato che qualcuno auspica.
Con questa convinzione dobbiamo fare ogni sforzo per unire l’area, non dividerla.
Il PD deve arrivare alle elezioni amministrative del 2017 con il coinvolgimento più ampio possibile per puntare su una stagione riformista e di rinnovamento, anche generazionale.
Dobbiamo assumerci l’onere di guidare l’area del centrosinistra nel rapporto con altri soggetti che vogliono l’alternativa a Tosi. La sua stagione si chiude, difficile che la causa del problema sia anche la soluzione e qualcuno vorrebbe richiamarlo in servizio? Ciò disorienta i nostri elettori.
Io non escludo un candidato del PD, come qualcuno propone, sbagliando. Come non escludo un esterno. L’importante e’ che unisca e riesca ad andare oltre lo schieramento tradizionale. Sono convinto che anche nel PD ci siano profili simili.
Il rischio che corre il PD e’ che certi errori commessi potrebbero alimentare la confusione anziché l’unità che serve.
E l’azione di Massignan ne’ una cartina di tornasole.
E’ chiaro che le primarie sono una delle occasioni da non scartare a priori. Per capirci, dopo il candidato per forza “da fuori” penso sia sbagliato escludere le primarie. Chi non le vuole le pensa come scontro interno. Invece sono l’opportunità che consentono di lanciare una persona che unisce tanti e crea feeling con la città.

Per queste ragioni dico a Massignan di incontrarci, di confrontarci insieme per un possibile percorso sulle cose da fare. Saranno i progetti a unire, non le comode strategie delle segreterie.  

 

Commenti

Related Posts