Zaia chiarisca su Crisanti

Il giorno 8 gennaio scorso è stata pubblicata un’inchiesta dal settimanale l’Espresso secondo la quale “vertici della regione Veneto” avrebbero indebitamente “fatto pressione” su due primari dell’ospedale di Padova per far loro firmare una lettera relativa a uno studio sui tamponi rapidi. Tale lettera, indirizzata al direttore dell’ospedale, e poi pubblicata a mezzo stampa, sarebbe servita a prendere le distanze da uno studio sui limiti dei tamponi rapidi curato dal professor Andrea Crisanti, membro del Comitato scientifico COVID-19 della regione.

Lo studio, secondo l’inchiesta, avrebbe “violato la privacy dei pazienti o le formalità procedurali di autorizzazione dei test clinici”.

Secondo la citata inchiesta, i due primari avrebbero indirizzato una seconda lettera al direttore dell’ospedale in cui si precisava che tale studio sarebbe stato condotto rispettando le procedure. Tale lettera, tuttavia, – secondo quanto riportato dall’Espresso – non è stata pubblicata a mezzo stampa.

Secondo Espresso, lo studio aveva dimostrato l’alto margine di errore dei tamponi rapidi, con sensibilità attestata intorno a un valore del 70 per cento, risultando quindi molto meno affidabili dei tamponi molecolari nell’individuare persone positive al COVID-19, anche in casi di alta carica virale.

Il 21 ottobre, giorno in cui secondo l’inchiesta tale studio è stato divulgato, Azienza Zero, l’ente incaricato di garantire la razionalizzazione, l’integrazione e l’efficientamento dei servizi sanitari, sociosanitari e tecnico amministrativi delle strutture regionali del Veneto, aveva in corso una procedura di appalto per la fornitura di tamponi rapidi per un totale di 148 milioni di euro.

Sempre secondo quanto riportato dall’Espresso, il professor Crisanti sarebbe stato “emarginato dalla giunta” regionale, la quale ha trasferito da Padova a Treviso e Venezia il coordinamento dei test sul virus.

Su questi gravi fatti, ho presentato un’interrogazione parlamentare per sapere quali iniziative intenda adottare il Ministroal fine di verificare la veridicità dei fatti esposti in premessa e di fare chiarezza su ruolo svolto dalla regione Veneto in merito alla procedura di appalto per la fornitura di tamponi rapidi e alla estromissione del professor Crisanti.

In pratica, il Presidente Zaia deve dire se è vero quanto pubblicato da L’Espresso circa le pressioni e le minacce da parte delle ‘alte sfere’ della regione Veneto.

Se fosse vero, sarebbe una cosa inaudita.

Pressare, anche con minacce, la scienza medica per far valere proprie ragioni ‘politiche’ e, soprattutto, non consentire il libero confronto su soluzioni che potrebbero evitare tante sofferenze e lutti è la più grave delle responsabilità che qualcuno può commettere.

Va diradata questa nebbia che incide sulla credibilità e moralità, sua e della regione Veneto.

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *