Zingaretti si è dimesso

Il segretario Nicola Zingaretti si è dimesso dalla carica dichiarando di “vergognarsi di un partito che corre dietro solo alle poltrone”.

Le poltrone

Comincio da qui per chiarire che gli incarichi sono stati affidati o indicati da lui direttamente, compresi ministri e sottosegretari (Governo Conte II e Draghi) e che, come è ovvio, quegli incarichi hanno premiato coloro che l’hanno sostenuto all’elezione come segretario o coloro che, successivamente, facevano parte della sua maggioranza nel partito.

L’equazione mi viene facile: l’accusa è in particolar modo indirizzata alla maggioranza che l’ha sostenuto in questi due anni?

Per capirci, poiché non faccio parte di quella maggioranza (del segretario), avendo sostenuto Maurizio Martina al congresso, quell’accusa mi allarma, sia perché Zingaretti ha vinto grazie al sostegno delle correnti, sia perché fa di tutta l’erba un fascio. Non tutti sono destinatari delle sue accuse, veritiere o meno che siano.

In ogni caso, sono stato tra quelli che in queste settimane hanno chiesto un cambio di linea politica del Pd e, quindi, un congresso per deciderla insieme non appena consentito dalla pandemia. Nessuno ha mai chiesto le dimissioni di Zingaretti. Lo dico come fatto di verità, non per giustificare qualcosa.

Le dimissioni, quindi, mi hanno stupito e nell’incredulità, anche perplesso. Molto.

Innanzitutto, una doverosa premessa: l’emotività che si è espressa subito dopo le dimissioni e le conseguenti accuse generalizzate che da più parti si sono levate, non sono state un buon segno.

Di fronte a momenti importanti, come lo è questo per noi, si cercano le ragioni, per capire, valutare e rispondere. Pensare che ad un’opzione meramente politica possa corrispondere un comportamento orientato dall’emotività e dalla rabbia pone la nostra comunità politica su un piano decisamente controcorrente rispetto al compito istituzionale e repubblicano che ormai da anni, e con grande senso di responsabilità, ci siamo assunti.

Un film già visto

Purtroppo, è qualcosa che ho già visto.

Recentemente, quando il segretario era Matteo Renzi, seppure a parti invertite, il livello di emotività e rabbia era sostanzialmente il medesimo.

In un partito plurale si sta insieme se si riconosce vicendevolmente la propria funzione. Pensare che il vincitore possa “sopprimere” la voce del perdente si è dimostrato vacuo e, con il senno di poi (ieri i cd. “renziani”, oggi i cd. “zingarettiani”), permeato da una certa dose di ambiguità del dibattito politico.

Questo punto mi porta a dire che le dimissioni di Zingaretti possono finalmente archiviare un confronto tra parti che sta animando, anche aspramente, il PD da anni. Mi spiego meglio: Zingaretti aveva prevalso anche sull’onda del rifiuto/superamento del percorso del PD di Renzi. Legittimo. Ma se la sua azione è qui terminata, voler mantenere quella sfida e ripetere che il “nemico” è il renzismo significa correre con la testa all’indietro.

 Conte o Renzi?

E c’è anche un altro rischio: quello di orientare i nostri elettori sull’alternativa di scelta tra Conte o Renzi.

Qui, un altro punto nodale della vicenda.

Posto che Renzi è fuoriuscito, ed è un avversario politico e come tale giustamente va temuto e contrastato, nei confronti di Conte e, soprattutto, a suo favore, il PD si è così sperticato che dai sondaggi il M5S a guida Conte è dato al 22% ed il PD al 14%. Questo perché Giuseppe Conte è stato accreditato da Zingaretti quale leader dei riformisti e del centrosinistra di governo.

La conseguenza è ovvia: tanti nostri elettori hanno superato le differenti appartenenze e votano tranquillamente “il leader della sinistra democratica italiana” così come incautamente incoronato dal PD. Il M5S che calava perché perdeva l’elettorato di destra e anche quello di sinistra, adesso si nutre soprattutto di noi.

Anche qui la cosa non mi stupisce.

La subalternità

Infatti, la subalternità del PD nell’anno di governo con il M5S è una cosa che non è sfuggita.

Siamo partiti con la riduzione del numero dei parlamentari che doveva essere accompagnata da altre riforme. Non si è visto nulla.

Potrei fare un lungo elenco di temi a noi cari sacrificati di fronte ai dinieghi di Conte e del M5S. Per certi versi non poteva essere diversamente. Se si ripete che la stella polare del PD in futuro è l’accordo strategico con il M5S sotto l’egida di Conte, torna difficile avere un rapporto anche conflittuale.

Qui si apre il capitolo più rilevante e, secondo me, determinante per le dimissioni di Zingaretti: il percorso seguito dopo le dimissioni di Conte da premier.

Le dimissioni di Conte

Qui (https://www.vincenzodarienzo.it/il-lucido-disegno-di-renzi-e-le-contromosse/) avevo detto le ragioni per le quali consideravo molto difficile – a differenza di quanto chiedeva il PD – un governo Conte ter.

Inoltre, poiché il percorso di Renzi portava naturalmente ad governo istituzionale, avevo anche detto (https://www.vincenzodarienzo.it/consultazioni-e-adesso-2/) perché a noi conveniva un governo politico e come favorirlo.

Quello, invece, al quale abbiamo assistito, anziché essere protagonisti e centrali attraverso la richiesta, dopo l’estate scorsa, di rinnovare il governo con un patto di legislatura perché avevamo davanti appuntamenti rilevanti come la legge di Bilancio, il recovery fund, la nuova legge elettorale e il piano vaccinale, è stata la spasmodica ricerca di Senatori per sostituire i componenti di Italia viva. Una strategia miope che ha accelerato le dimissioni di Conte.

Durante le consultazioni, quando era chiaro che il finale era già scritto. Zingaretti non ha avuto la capacità di cambiare nome e, così, favorire la costruzione di un nuovo governo con la medesima maggioranza.

 Anzi, si è trincerato dietro una minaccia che era, è sempre stata e si è rivelata una farsa: o Conte o voto anticipato. Una posizione di difesa che ci ha ulteriormente subordinato al M5S.

Le cose non sono cambiate neanche dopo la nascita del Governo Draghi. La proposta è stata sempre quella: alleanza con M5S e intergruppo insieme. Intanto, Grillo segnava due punti decisivi: si è assunto in pieno la battaglia per la transizione ecologica e l’adesione di Conte al quale consegneranno il loro progetto. Lui avanti e noi dietro!

Questa debolezza ha avuto strascichi importanti. Nel Governo Draghi abbiamo assunto responsabilità in Ministeri “secondari” rispetto agli impegni del recovery fund e sulla parità di genere abbiamo segnato un punto molto negativo nel momento in cui i “capicorrente” maschi (della maggioranza che lo sostenevano) sono stati indicati quali ministri anche a dispetto delle regole statutarie e del valore culturale che interpretiamo da anni in questo ambito.

Il progetto politico che il segretario Zingaretti ha perorato, nonostante volesse le elezioni anticipate dopo la caduta del governo gialloverde – intenzione che ha dovuto modificare sia per la scelta fatta allora da Renzi, sia per la contrarietà di una parte della maggioranza che l’aveva eletto segretario – oggi è nei fatti un percorso rischioso per la sopravvivenza del PD, perché ci consegnarebbe al M5S che sta seguendo un’evoluzione di sovrapposizione con noi.

Ho già detto quale strada seguirei (https://www.vincenzodarienzo.it/alleanza-pd-m5s-perche-ho-un-dubbio/), non mi ripeto, quindi.

Il posizionamento del PD di Zingaretti

Nicola Zingaretti vince il congresso 2019 con un programma preciso. Oltre a superare le evidenti difficoltà presenti nel PD in quel periodo, peraltro collocato all’opposizione del Governo M5S/Lega, frutto anche di errori commessi nel passato, il suo monito “mai alleati con il M5S” era risuonato sonoramente.

La storia ha visto altro. Anzi, rispetto a soli due anni fa, il PD è passato dall’opposizione al governo, ha subito una scissione e mezza (Renzi e Calenda), ha modificato la strategia perorando alleanze strategiche con il M5S e, infine, c’è stato un cambio da governo politico a governo istituzionale. Quattro rilevanti fatti politici che necessitavano di una riflessione approfondita per delineare l’identità ed il posizionamento sociale nelle varie occasioni che si sono manifestate.

Le difficoltà nel confronto interno rispetto alle diverse opinioni in merito a quei passaggi ed al conseguente ruolo da assumere, sono il frutto di quei momenti che, anche se non determinati dal PD e da Zingaretti, ci hanno costretto a diverse impostazioni rispetto ai momenti precedenti.

Zingaretti non ha avviato, con la determinazione che serve in questi casi, la discussione nel merito di quei passaggi e, quindi, affrontato il nodo del posizionamento del PD per ciascuna di quelle fasi.

Ciò ha consolidato divergenze interne che con il governo istituzionale sono risultate più evidenti e rumorose, attesa la diversa responsabilità che abbiamo rispetto a prima.

Tutto ciò era prevedibile.

Ma perché Zingaretti si è dimesso?

Perché dico tutto questo?

Perché sono convinto che calati la polvere ed il fumo dei fumogeni ultras, restano sempre chiari gli obiettivi mancati dal segretario Zingaretti, che sono le uniche ragioni per le quali si è dimesso.

Questi atti, così importanti, anche dal punto di vista umano, hanno sempre ragioni politiche. E’ sempre stato così in passato (Veltroni post voto 2008, Bersani post voto 2013, Renzi post referendum 2016), lo sono adesso con Zingaretti e sempre lo saranno in futuro.

 

PS. Ho tralasciato, volutamente, di argomentare il perché i sondaggi non ci hanno mai attribuito oltre un risicato 20%.

 

 

Commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *